Giovedì, 01 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cinema

Home Foto Cinema Venezia: Leone d'Argento a Luca Guadagnino, premio speciale della giuria a Jafar Panahi

Venezia: Leone d'Argento a Luca Guadagnino, premio speciale della giuria a Jafar Panahi

Vincono l’Italia, le donne, il cinema del reale e il dramma grottesco, peccato solo per Jafar Panahi. Questo, in estrema sintesi, il Palmares di questa 79/ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia dove ottiene il Leone d’Oro l’unico documentario in concorso, ALL THE BEAUTY AND THE BLOODSHED della regista Laura Poitras, storia della fotografa Nan Goldin e della sua lotta militante contro la famiglia Sackler della Purdue Pharma.

Ma vince anche l’Italia che parla inglese, ovvero quella del palermitano Luca Guadagnino con BONES AND ALL, coming age cannibalico-identitario, che si porta a casa ben due premi: il Leone d’Argento Premio per la migliore regia e il Premio Marcello Mastroianni andato all’attrice Taylor Russell. Per Luca Guadagnino, apparso molto emozionato nel ricevere il Leone d’Argento in Sala Grande, il suo film rappresenta «il matrimonio tra Usa e Italia». Il regista, che ha parlato un po' in italiano e un po' in americano, ha ringraziato con molto calore la Biennale e il suo presidente Alberto Barbera «mia guida e sostegno fin dal primo film folle che ho presentato qui». Alla cerimonia di premiazione Moreno Zani, fondatore di Tenderstories e Malcom Pagani, amministratore delegato della società, attiva nella creazione di contenuti originali e nella produzione audiovisiva. "Siamo onorati di questo prestigioso riconoscimento. Aver partecipato al Festival del Cinema di Venezia ci riempie di orgoglio, è un film con un cast d’eccezione in cui abbiamo creduto. È una riflessione profonda sull'amore, sulla giovinezza e sull'essere diversi, che ha ricevuto un importante riscontro dal pubblico e dalla critica", hanno spiegato.  "Bones and All" con Taylor Russell, Timothée Chalamet, Michael Stuhlbarg, André Holland, Chloë Sevigny, David Gordon-Green, Jessica Harper, Jake Horowitz e Mark Rylance, racconta una storia d’amore terribile e poetica ma al tempo stesso romantica e disperata. Maren e Lee, i due protagonisti, sono ai margini della società e proprio per questo divengono l’uno il sostegno dell’altra, in un road movie che si snoda nell’America profonda delle grandi praterie.

Il Leone d’Argento - Gran Premio della Giuria, secondo per importanza, è andato a SAINT OMER ancora firmato da una regista donna, Alice Diop che ha vinto anche Il LEONE DEL FUTURO - premio Venezia opera prima «Luigi De Laurentiis». Una storia quest’ultima tutta al femminile con il racconto di un fatto vero che ha sconvolto la Francia nel 2016 quando una senegalese fu accusata di aver ucciso la figlia di quindici mesi, abbandonandola su una spiaggia del nord della Francia.

E GLI ORSI NON ESISTONO di Jafar Panahi, denuncia senza troppi sconti al regime iraniano, considerato da tutti il film da battere? Si porta a casa il PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA, un premio certo importante, ma non abbastanza per dare un segnale forte all’Iran che tiene prigioniero Panahi per motivi artistici. Forse questa un’occasione persa da parte della giuria capitanata da Julianne Moore: far vincere il cinema del reale della Poitras e dimenticare la realtà di un regista in carcere.
A parte Guadagnino è doppietta più che meritata per GLI SPIRITI DELL’ISOLA di Martin McDonagh (il regista di Tre manifesti a Ebbing, Missouri) grottesca e allegorica commedia noir con lo straordinario duetto tra Colin Farrell e Brendan Gleeson, ex amici, ma ora in lotta tra loro per motivi futili ma che non mancheranno di portare all’estrema violenza (non a caso sullo sfondo la Guerra civile del 1923). Per il film, che a volte sembra un western, è stato anche premiato con la Coppa Volpi Colin Farrel che veste i panni di Pádraic, poco più di uno scemo, una specialità dei film di McDonagh, ma pieno dell’ostinazione che ne deriva.
Infine la COPPA VOLPI, per la migliore interpretazione femminile è andata, più che meritatamente, a Cate Blanchett per il film TÁR di Todd Fields. L’attrice australiana interpreta Lydia, una grande direttrice d’orchestra omosessuale di Berlino che a un certo punto si ritrova nel mirino di uno scandalo. La donna viene infatti accusata di aver favorito l’ingresso in orchestra di una violoncellista a cui si aggiungono, una serie di video compromettenti messi in rete da un ragazzo e, infine, una pioggia di denunce di altre presunte molestie.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X