Giovedì, 23 Marzo 2023
stampa
Dimensione testo

Calcio

Home Foto Calcio Bremer ferma la crisi della Juventus: battuta la Lazio, in semifinale la sfida all'Inter

Bremer ferma la crisi della Juventus: battuta la Lazio, in semifinale la sfida all'Inter

Bremer lancia la Juventus in semifinale di coppa Italia: basta un colpo di testa del brasiliano in anticipo su Maximiano a fine primo tempo per battere la Lazio e conquistarsi il doppio confronto contro l'Inter nel penultimo atto della competizione. I bianconeri di Allegri si rialzano dopo le tre gare consecutive senza successi in campionato, la squadra di Sarri esce senza brillare dalla sfida allo Stadium e potrà dedicarsi completamente alla rincorsa per un posto in Champions League.

Finalmente insieme, Chiesa e Vlahovic giocano dall’inizio l'uno al fianco dell’altro con la maglia bianconera. È questa la novità di formazione più importante in una Juve che, di fatto è quella dei titolarissimi, con Allegri che sceglie di non fare turnover e di puntare sull'undici-tipo: vero che Di Maria siede in panchina, ma a destra si rivede Cuadrado con Kostic sull'out mancino e Locatelli in cabina di regia insieme a Fagioli e Rabiot. Tra i pali c'è il portiere di coppa Perin, il terzetto difensivo è tutto verdeoro ed è formato da Danilo, Bremer e Alex Sandro.

Sarri, invece, rilancia Immobile dal primo minuto nel tridente con Felipe Anderson e Zaccagni, ma Milinkovic-Savic comincia fuori. C'è Vecino insieme a Cataldi e Luis Alberto, Romagnoli fa coppia con Patric davanti a Maximiano e tra Lazzari e Marusic. Il nuovo acquisto Pellegrini, arrivato in prestito proprio dalla Juve nelle ultime ore di mercato, è in panchina.

Il primo tempo si accende soltanto al quarto d’ora con un’occasione per parte: Fagioli lancia la ripartenza biancoceleste ma Zaccagni non ne approfitta calciando fuori, dall’altra parte serve una gran parata di Maximiano per deviare in corner la rasoiata di Kostic. Il serbo è il più attivo tra i bianconeri, anche perché Chiesa e Vlahovic non si trovano e non hanno spunti, e i cross dell’esterno diventano di pericolosi. Al 28' Rabiot colpisce solo in area ma non angola il colpo di testa, al 44' ecco il vantaggio: Maximiano sbaglia completamente i tempi dell’uscita, Bremer lo anticipa e porta avanti la Juve.

Sarri comincia la ripresa con Pedro al posto di uno spento Immobile e Felipe Anderson va a fare il falso nove, il primo tentativo è di Cataldi che su punizione non spaventa Perin. All’ora di gioco scatta il momento di Milinkovic-Savic, Allegri richiama Fagioli e Vlahovic per Miretti e Kean e l’attaccante è subito pericoloso, scattando sul filo del fuorigioco ma calciando poi addosso a Maximiano.

La Lazio non riesce più a creare nulla nonostante gli ingressi di Basic, Casale e Marcos Antonio, i bianconeri la contengono bene e mantengono inviolata la propria porta. Ad Allegri, però, non piace la gestione degli ultimi palloni durante i 5 minuti di recupero e, furibondo, rientra negli spogliatoi prima del triplice fischio. Alla fine, però, i suoi ragazzi riescono a conquistare il pass per le semifinali di aprile, dove tra andata e ritorno vivranno due derby d’Italia contro l’Inter in una sorta di rivincita della finalissima dell’anno scorso. La Lazio, invece, viene eliminata con qualche rimpianto: non è stata la solita squadra di Sarri, in attacco ha avuto poche idee ed è stata troppo prevedibile.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X