Martedì, 07 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Tempo libero

Home Cultura Tempo libero A Palermo crescono i crocieristi: mezzo milione nel 2014

A Palermo crescono i crocieristi: mezzo milione nel 2014

Sicilia, Tempo libero

PALERMO. All'interno di uno stand comune, che graficamente racconta una «Contemporary Sicily», «soul of the Mediterranean Sea», l'Autorità portuale di Palermo, assieme all' Autorità portuale di Messina-Milazzo, è in questi giorni presente al «Barcellona Seatrade Med», il più importante appuntamento europeo con il mercato delle crociere. 
A Barcellona sono stati diffusi i primi dati sulle crociere in Italia e Palermo, nel 2014, è stato uno dei pochi porti italiani ad avere numeri crescenti, in un momento in cui la crisi ha non poco contratto il mercato. Se la previsione fino a dicembre 2014 è di 217 scali e mezzo milione di passeggeri contro i 189 del 2013, nel periodo da gennaio ad agosto, il confronto tra il 2013 e il 2014 è segnato da numeri positivi.
Nel dettaglio: aumento del 22,7% nel totale passeggeri (da 273.607 a 335.758), i transiti sono passati da 245.308 a 294.358 (+20%), gli imbarchi e gli sbarchi da 28.299 a 41.400 (+46,3%). Fino al 31 agosto sono arrivate a Palermo 124 navi contro le 110 nello stesso periodo dello scorso anno (+12,7).
Da Barcellona una novità positiva per il 2015: a Palermo arriverà la Princess Cruise, una delle più prestigiose compagnie armatoriali, con la nave Emerald: sette scali finora previsti il prossimo anno, e già uno entro la fine dell'anno.
«Numeri positivi, risultato di una politica che crede nel criterio di destagionalizzazione come dimostra la presenza di navi in tutti i mesi dell'anno e un alto numero di approdi nel mese di ottobre (30) e novembre (21)» spiega il presidente Vincenzo Cannatella.
«L'incremento dei traffici, in controtendenza con quanto accade altrove, ci rende orgogliosi ma la competizione è forte - ha aggiunto Cannatella -. Puntiamo molto sulle crociere come elemento di sviluppo dei traffici portuali e come opportunità di crescita economica dei territori di riferimento».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X