Mercoledì, 18 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Sport

Home Sport Calcio, tutti prosciolti nell'inchiesta plusvalenze
FIGC

Calcio, tutti prosciolti nell'inchiesta plusvalenze

Sicilia, Sport
Andrea Agnelli (a destra), presidente della Juventus

Tutti prosciolti. Questa la sentenza  sul caso delle plusvalenze che aveva coinvolto fra dirigenti e società 59 persone. Inizialmente, il procuratore della Figc Giuseppe Chinè aveva chiesto 12 mesi di inibizione per il presidente della Juventus Andrea Agnelli e 11 mesi e 5 giorni per quello del Napoli Aurelio De Laurentiis.

Le società coinvolte nell’inchiesta erano 11: 5 di Serie A (Juve, Napoli, Samp, Empoli e Genoa), 2 di Serie B (Pisa e Parma), più Pro Vercelli e Pescara e le non più affiliate Chievo e Novara. Il tribunale federale «ha prosciolto tutte le società, i dirigenti e gli amministratori dei club che erano stati deferiti dalla Procura Federale per avere contabilizzato nelle relazioni finanziarie plusvalenze e diritti alle prestazioni dei calciatori per valori eccedenti a quelli consentiti dai principi contabili». Le motivazioni saranno rese note nei prossimi giorni.

Inizialmente oltre alle inibizioni per Agnelli e De Laurentiis, c'erano anche quelle di 16 mesi e dieci giorni per l’ex direttore sportivo bianconero Fabio Paratici, di 6 mesi e 20 giorni per il ds Federico Cherubini e di 8 mesi per Pavel Nedved, Maurizio Arrivabene e altri dirigenti. Per il Napoli, finito sotto la lente d’ingrandimento degli 007 federali soprattutto per l’affare Osimhen, c'era stata la richiesta di fermare per 9 mesi e 15 giorni l’ad Andrea Chiavelli, 6 mesi e 10 giorni per Jacqueline Marie Baudit, Edoardo e Valentina De Laurentiis. Erano state previste anche le ammende per i club: 800 mila euro per la Juve, 392 mila euro per il Napoli.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X