Sabato, 27 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Sport

Home Sport Vela, i venti deboli rallentano Team Urban Value al traverso di Licata
LA REGATA

Vela, i venti deboli rallentano Team Urban Value al traverso di Licata

Rallenta, e non poco, Team Urban Value (Sophie Faguet-Pierre Leboucher), leader del Marina Militare Nastro Rosa Veloce-Fincantieri Cup, la regata no-stop più lunga del Mediterraneo organizzata da Difesa Servizi S.p.A., SSI Events in collaborazione con la Marina Militare. Doppiato Capo Passero sfruttando freschi venti meridionali, Faguet-Leboucher hanno dovuto fare i conti con una vasta zona di aria pressoché assente, faticando non poco per passare il gate di Licata, raggiunto alle 8.45 di questa mattina.

Proprio tra Licata e Marina di Palma, Team Urban Value ha rallentato ulteriormente e ha visto il suo vantaggio diminuire non tanto su Team Venezia Salone Nautico (Cecilia Zorzi-Alessandro Torresani), sempre secondo a 19 miglia dal leader e il cui avanzamento è complicato dai margini della stessa bolla in cui è finito il binomio francofono: ad avvicinarsi, dimezzando un ritardo che meno di 24 ore fa era di circa 60 miglia, è stato Team Softway (Pam Lee-Andrea Fornaro), giunto in velocità a Capo Passero grazie allo stesso vento “navigato” da Team Urban Value.

Mentre scriviamo, Zorzi-Torresani e Lee-Fornaro, separati da 8 miglia al traverso di Pozzallo, avanzano faticosamente alla volta di Licata, bordeggiando tra refoli sempre più evanescenti con un VMG di poco superiore ai 2 nodi.

Più indietro, all’altezza di Locri, quindi a 160 miglia dai battistrada, interessante è la regata nella regata che vede protagonisti Marina Militare (Elisabetta Maffei-Federico Piani), attualmente al quarto posto grazie alla scelta di seguire la rotta più breve alla volta di Capo Passero, e Team Acone (Catherine Hunt-Alexis Thomas), Team Sanfer (Maggie Adamson-Matteo Ichino) e Team ENIT (Irene Bezzi-Pietro D’Alì). Navigando in gruppo a meno di mezzo miglio l’uno dall’altro, i tre hanno scelto una rotta meridionale per raggiungere il vento da sud-est che, seppur in diminuzione, soffia con maggior intensità non troppo lontano da loro.

Sono invece transitati da poco attraverso il gate di Crotone l’Aeronautica Militare (Margherita Digrazia-Giancarlo Simeoli) e Team Genova The Ocean Race (Dominique Knuppel-Guillerno Altadill) che, in ritardo di 180 miglia rispetto a Team Urban Value, anticipano di oltre 50 miglia Team Fratelli Visconti (Lisa Berger-Alex Laline), messo fuori gioco dalla rottura della randa occorsa durante il secondo giorno di regata e dalla successiva sosta resasi necessaria per effettuare le riparazioni del caso.

Lungo il tragitto da Crotone a Licata, molti sono i Fari che le imbarcazioni si sono lasciate alla propria destra. Si tratta di “gioielli del mare” che sono stati e/o saranno recuperati e sottratti al degrado, grazie a un progetto imprenditoriale innovativo e sostenibile, nel pieno rispetto della tutela e salvaguardia del territorio.

Parliamo del progetto Valore Paese – Fari, a cui intende dare valore il Marina Militare Nastro Rosa, un’iniziativa promossa per la prima volta nel 2015 dall’Agenzia del Demanio e dal Ministero della Difesa, tramite Difesa Servizi Spa, per proporre al mercato fari di proprietà dello Stato e beni della Difesa mediante lo strumento della concessione di valorizzazione secondo un modello di lighthouse accommodation, rispettoso del paesaggio e in linea con le identità territoriali e con la salvaguardia dell’ecosistema ambientale. L’obiettivo è quello di dar vita anche in Italia, come già accade in altri paesi, ad un circuito che consenta di sviluppare una forma di turismo sostenibile, legato alla cultura dell’ambiente e del mare, anche in ottica di cooperazione tra i paesi del Mediterraneo. Scopo principale del percorso di valorizzazione è recuperare i beni e renderli fruibili alla cittadinanza, avviarli a rigenerazione contribuendo ad attivare lo sviluppo economico e sociale dei territori.

Il Faro di Punta Stilo, situato su un’altura affacciata su una strada costiera, a poca distanza da Monasterace, in provincia di Reggio Calabria. Il Faro di Capo Mulini è situato nel Comune di Acireale (CT), nella splendida cornice del Golfo di Catania, in un contesto paesaggistico di grande interesse. Il Faro di Riposto si trova a Riposto in provincia di Catania. Il Faro Dromo Caderini, situato nella Sicilia meridionale, al centro della costa del golfo di Siracusa, a poca distanza dal centro urbano è inserito all’interno di una riserva naturale marina. Il Padiglione Punta del Pero si trova a Siracusa. Costruito all’inizio del secolo scorso si trova nella contrada Maddalena.

Il Faro di Brucoli ad Augusta (SR), posto a ridosso dell’antico Castello della Regina Giovanna, si trova sulla punta di una lingua di terra che ospita il borgo marinaro di Brucoli, situato tra Catania e Siracusa e caratterizzato dalla presenza di un suggestivo portocanale, in un ambiente geografico unico che si distingue per le sue particolari valenze storiche e naturalistiche, nonché per le testimonianze archeologiche di grande importanza.

Il Faro di Murro di Porco a Siracusa (SR), si trova nel cuore della penisola del Plemmirio, lungo la costa a sud di Siracusa, polo culturale del Mediterraneo da sempre distinto per storia e natura, in un contesto di grande pregio paesaggistico caratterizzato da scogliere che si presentano come vere e proprie sculture naturali e da grotte marine con importanti reperti archeologici che si possono scoprire immergendosi negli stupendi fondali.

I team protagonisti

Ad animare il Marina Militare Nastro Rosa Veloce sono dieci equipaggi: Team ENIT (Irene Bezzi-Pietro D’Alì), Team Softway (Pam Lee-Andrea Fornaro), Team Genova The Ocean Race (Dominique Knuppel-Guillerno Altadill), Team Fratelli Visconti (Lisa Berger-Alex Laline), Team Sanfer (Maggie Adamson-Matteo Ichino), Team Urban Value (Sophie Faguet-Pierre Leboucher), Team Venezia Salone Nautico (Cecilia Zorzi-Alessandro Torresani), Team Acone (Catherine Hunt-Alexis Thomas), Aeronautica Militare (Margherita Digrazia-Giancarlo Simeoli) e Marina Militare (Elisabetta Maffei-Federico Piani).

La regata

Il Marina Militare Nastro Rosa Veloce, regata “alla francese” di 1.492 miglia, è la regata più lunga del Mediterraneo e si sviluppa lungo la rotta che, lasciando la Sicilia a destra e passando per alcuni gate obbligatori (tra questi Amalfi e Pisa a unire tutte le Repubbliche Marinare), congiunge Venezia e Genova. I dieci equipaggi in gara, oltre a lottare per la Fincantieri Cup, destinata al vincitore successo, e per fissare il primo tempo di riferimento, si contendono un montepremi complessivo di 50.000€.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X