Venerdì, 27 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Sport

Home Sport Insulti razzisti, i club inglesi boicottano i social per 4 giorni: "Basta discriminazioni"
L'INIZIATIVA

Insulti razzisti, i club inglesi boicottano i social per 4 giorni: "Basta discriminazioni"

I club di Premier League, English Football League e Women's Super League si uniranno a un boicottaggio di quattro giorni delle piattaforme di social media (Twitter, Facebook e Instagram) nel tentativo di combattere abusi e discriminazioni. Saranno coinvolti anche la Federcalcio, gli organi della lega e altre organizzazioni, tra cui l’ente benefico contro la discriminazione Kick it Out. "Questo boicottaggio indica la nostra rabbia collettiva. I social media ora sono purtroppo una nave regolare per il trasporto di sostanze tossiche. Rimuovendoci dalle piattaforme, stiamo facendo un gesto simbolico contro coloro che hanno potere. Abbiamo bisogno che tu agisca. Abbiamo bisogno che si crei il cambiamento. Abbiamo bisogno che le società di social media rendano le loro piattaforme un ambiente ostile per i troll piuttosto che per la famiglia del calcio" ha detto il presidente di Kick it Out Sanjay Bhandar.

"Era ora. Quello che è successo sui social media, è successo a me. E’ successo a molti giocatori. Deve succedere qualcosa, è troppo facile subire abusi razzisti lì dentro" ha dicharato David McGoldrick dello Sheffield United, vittima di abusi razzisti lo scorso anno. Anche la Football Supporters Association, la League Managers' Association, le Women in Football, il Women's Championship e i suoi club, nonchè l’ente arbitrale Professional Game Match Officials Limited (PGMOL), si sono impegnati a boicottare Twitter, Facebook e Instagram. Una dichiarazione congiunta degli organi di governo del calcio inglese ha affermato che il boicottaggio è un modo "per sottolineare che le società di social media devono fare di più per sradicare l’odio online", ma anche "sottolineare l’importanza di educare le persone. L’azione di boicottaggio dal calcio in isolamento, ovviamente, non sradicherà il flagello degli abusi discriminatori online, ma dimostrerà che il gioco è disposto a intraprendere azioni volontarie e proattive in questa lotta continua".

"Il calcio inglese non tollererà alcuna forma di discriminazione. Chiediamo alle organizzazioni e alle persone in tutto il gioco di unirsi a noi in un boicottaggio temporaneo di queste piattaforme di social media, per mostrare solidarietà e unirsi nel messaggio", ha detto il direttore per l’uguaglianza e la diversità della FA, Edleen John che ha aggiunto come. "le società di social media devono essere ritenute responsabili se continuano a non essere all’altezza delle loro responsabilità morali e sociali per affrontare questo problema endemico".

Il governo del Regno Unito ha precedentemente minacciato le società di social media con "multe elevate" che potrebbero ammontare a "miliardi di sterline" se non riescono a contrastare gli abusi sulle loro piattaforme. Lo scorso febbraio Facebook aveva dichiarato che sarebbero state prese misure più severe per affrontare il problema. La scorsa settimana, invece, Instagram, che è di proprietà di Facebook, ha annunciato uno strumento per consentire agli utenti di filtrare automaticamente i messaggi offensivi da quelli che non seguono sulla piattaforma

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X