Sabato, 26 Settembre 2020
stampa
Dimensione testo

Sport

Home Sport Ciclismo, il belga Van Aert vince la Milano-Sanremo
111ESIMA EDIZIONE

Ciclismo, il belga Van Aert vince la Milano-Sanremo

ciclismo, Wout Van Aert, Sicilia, Sport
Wout Van Aert

Come Julian Alaphilippe un anno fa, Strade Bianche e poi la Milano-Sanremo. Sul ciclismo post-Covid c'è il segno indelebile di Wout Van Aert, che a una settimana dal trionfo di Piazza del Campo concede il bis sul traguardo di via Roma aggiudicandosi la prima classica-monumento della stagione, giunta all’edizione numero 111.

Una Milano-Sanremo inedita, per percorso e data, con oltre 300 chilometri disputati in un caldo sabato d’agosto. Il 25enne belga della Jumbo-Visma nega la doppietta ad Alaphilippe, bravo a recuperare dopo un contrattempo tecnico poco prima della Cipressa e che, come nel 2019, aveva provato a fare selezione sul Poggio. Van Aert, però, gli resta incollato e mentre dietro il gruppo prova invano a riprenderli, negli ultimi metri piazza la zampata vincente, costringendo il francese della Deceuninck-Quickstep ad accontentarsi della piazza d’onore con Michael Matthews a completare il podio davanti a Peter Sagan e Giacomo Nizzolo, quinto e primo degli italiani.

"Non riesco a crederci, adesso posso anche ritirarmi", scherza all’arrivo Van Aert, che ringrazia i compagni di squadra e confessa: "Sul Poggio ero al limite, Alaphilippe è partito presto, ho fatto fatica a inseguirlo ma poi in discesa sono riuscito a riprenderlo, ho tenuto la posizione e alla fine ho attaccato".

Nella sua edizione più lunga di sempre, la corsa si anima già nei primi chilometri, con un drappello di sette corridori - Tonelli, Mazzucco, Boaro, Bais, Cima e Frapporti oltre a Carretero della Movistar - che va in fuga. Un tentativo che, dopo aver raggiunto un picco massimo di oltre sei minuti di vantaggio, si esaurisce a circa 35 di chilometri dal traguardo, poco prima della Cipressa. Dove il gruppo, privo di Trentin costretto al ritiro dopo una caduta e con Alaphilippe in rimonta dopo un problema meccanico, inizia ad assistere a una serie di attacchi. Vliegen, Mosca, Ciccone sono fra i primi a provarci ma senza fortuna mentre qualche velocista come Ewan e Gaviria va in difficoltà. Anche l'allungo in discesa di Oss non ha fortuna ed è sul Poggio che si decide la Classicissima. Ad aprire i giochi è Nibali ma è Alaphilippe a sparigliare davvero le carte a quasi cinque chilometri dalla fine. L’unico che riesce a stargli a ruota è Van Aert, l’Astana si mette in testa al gruppo per provare a ricucire lo strappo ma è ormai troppo tardi, nello sprint a due ne ha di più il belga: il nome che viene iscritto sull'albo d’oro è il suo. ITALPRESS

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X