Giovedì, 14 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
IL CASO

Bebe Vio minacciata di violenza su Facebook, autori denunciati

codacons, facebook, paralimpiadi, scherma, Bebe Vio, Sicilia, Sport
Bebe Vio

VENEZIA. «Sono delusa e amareggiata, ma ho già denunciato gli autori». La campionessa paralimpica di scherma Bebe Vio non nasconde il suo turbamento, ma non viene meno al suo carattere combattivo, per gli insulti e le minacce che le sono stati rivolti attraverso una pagina Facebook, dove addirittura si invitava a usarle violenza.

La pagina è stata rimossa, ma c'è stato bisogno anche dell'intervento del Codacons che ha deciso di denunciare il social network alla magistratura dopo ripetute segnalazioni degli utenti agli amministratori del social media. «Bisogna dare una risposta decisa a questi comportamenti quando sono esageratamente violenti ed offensivi», ha commentato la campionessa veneta, che ha avuto tanti attestati di solidarietà, a cominciare dal  presidente del Comitato italiano paralimpico, Luca Pancalli.

«Ho visto la pagina di Facebook che mi prendeva di mira, peraltro già rimossa - ha commentato Bebe Vio -. Sono amareggiata perchè da anni lotto per gli altri e per le cause in cui credo (il mondo della disabilità, lo sport paralimpico, le vaccinazioni per la meningite, le associazioni Onlus e tutto lo stupendo mondo del volontariato) e trovo sbagliato che mi trattino così. Sono delusa perchè mi fanno un pò tristezza quelle persone che usano internet per insultare e denigrare gli altri, a prescindere dal motivo».

«Io comunque vado avanti per la mia strada - ha proseguito -, ho tantissima gente che mi vuole bene e mi stima, che ogni giorno mi ringrazia per quello che faccio e mi sprona e mi aiuta a continuare. Sono fortunata di far parte del Comitato Paralimpico e delle Fiamme Oro, il Gruppo sportivo della Polizia, che si sono subito stretti intorno a me e si stanno impegnando a tutelarmi e proteggermi».

Mentre il Codacons ha chiesto alle Procure di Roma e Venezia, alla polizia postale e all'Autorità per le comunicazioni «di individuare tutti i soggetti responsabili», Luca Pancalli, condannando «un fatto gravissimo e preoccupante», ha auspicato «che le autorità facciano chiarezza sull'accaduto e sui responsabili di questo gesto ignobile e profondamente disgustoso».

«È inaccettabile che la rete venga utilizzata per disseminare odio e violenza e per alimentare questa barbarie», ha aggiunto il presidente del Cip.  «È un'espressione vergognosa di violenza: esprimo solidarietà a Bebe Vio che siamo certi non arretrerà di un millimetro nella sua straordinaria battaglia che è sportiva e umana allo stesso tempo», ha commentato sulla sua pagina Facebook il senatore dell'Udc, Antonio De Poli. Sempre sui social, ma su twitter le parole della deputata e leader di Forza Italia Giovani, Annagrazia Calabria: «Vicina a Bebe Vio per minacce insopportabili. Violenza e odio in rete vili e pericolosi. Ora pronta individuazione e punizione responsabili».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X