Martedì, 27 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Sport

Home Sport La vigilia di Italia-Spagna, Conte carica gli azzurri: "Oltre la ragione per fare l'impresa"
EURO 2016

La vigilia di Italia-Spagna, Conte carica gli azzurri: "Oltre la ragione per fare l'impresa"

SAINT DENIS - "Io non voglio tornare a casa, e non vogliono tornare a casa tutti gli azzurri: non ci sentiamo vittima sacrificale". Lo ha detto Antonio Conte, alla vigilia di Italia-Spagna. "E' una sfida impari, ma il bello della vita' e' lavorare per sovvertire questo tipo di pronostici".

Conte, Spagna stai attenta,ti possiamo far male - "Sento parlare di Morata, Nolito, del loro attacco: ma pensiamo anche alla nostra fase offensiva, pensiamo a far male alla Spagna", ha detto Conte.  "Abbiamo un'organizzazione difensiva, ma anche offensiva - ha aggiunto il ct - Dobbiamo fare in modo anche la Spagna stia attenta a noi. In fase do possesso possiamo fare male a chiunque".

Conte, andiamo oltre ragione per l'impresa  - "Se ci fermiamo alla ragione, domani con la Spagna perdiamo: dobbiamo andare oltre la ragione. Non ci basta l'ordinario, dobbiamo fare qualcosa di straordinario per compiere l'impresa". Cosi' Antonio Conte inquadra la sfida di domani alla Spagna, negli ottavi di Euro 2016. "Ci servirà qualcosa di straordinario: sono certo che i ragazzi ce l'hanno dentro e domani lo tireranno fuori".

Buffon, a 38 anni vivo ancora per gare così - "L'emozione ci sara' anche questa volta". Gigi Buffon, capitano azzurro di lungo corso, non nasconde che Italia-Spagna di domani gli portera' "la solita febbre da dopo gara, quella che mi prende a ogni partita importante". "Ho piu' esperienza per capire come approcciare queste gare - ha concluso Buffon - A 38 anni vivo per queste gare, come se fossero la cosa più importante di una parte della mia vita".

Buffon,Italia è l'unica che fa soffrire Spagna - "Nei quattro anni in cui la Spagna ha dominato il mondo in giro per tutti i continenti, l'Italia e' stata l'unica a farla soffrire: e questo qualcosa vorra' dire. Solo a Kiev, nella finale 2012, ci strapazzarono, ma noi eravamo scarichi mentalmente e fisicamente a pezzi. Nelle altre tre occasioni ufficiali, eravamo due volte pari al 120' e una al 90', e loro hanno sofferto".

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X