Mercoledì, 19 Febbraio 2020
stampa
Dimensione testo

Sport

Home Sport Giro: Aru stravince a Cervinia, ma Contador conserva la maglia rosa
CICLISMO

Giro: Aru stravince a Cervinia, ma Contador conserva la maglia rosa

CERVINIA. Il dramma giocoso del compositore Giuseppe Sarti, nei due litiganti che fanno godere il terzo, si consuma sui tornanti che, da Antey Saint-Andrè porta a Cervina: poco più di 19 chilometri di salita, con una pendenza media del 5 per cento e punte de 12, che incolla la maglia rosa sulle spalle di Alberto Contador. Forse in maniera definitiva. Ma consacra due corridori italiani: Fabio Aru, che stravince la 19/a la tappa - partita da Gravellona Toce (Verbania), con uno scatto ai -6 chilometri dal traguardo, riportandosi al secondo posto della generale; e l'enfant du pays' Giovanni Visconti (nato a Torino, cresciuto a Palermo), che mette la mani sulla maglia azzurra di miglior scalatore, sfilandola di dosso all'olandese Kruijswijk.

I due 'litigantì, che mischiano le carte in cima alla classifica generale, invece, sono Aru e Landa, che si scambiano la posizione alle spalle del 'Pistolerò, ma lasciano invariato il distacco dalla maglia rosa. Secondo più secondo meno. Quando doveva attaccare Aru, partiva Landa e quando quest'ultimo doveva mettere alle corde Contador, invece, ha fatto tutto Aru. Rapporti di forze, inverse e controbilanciate. Resta il fatto che l'Astana ha vinto quattro tappe (due con Landa, poi Aru e Tiralongo) e che sul proprio cammino verso il primato i corridori diretti da Martinelli hanno trovato un tale di nome Contador, non un avversario qualsiasi. Chiedere di più ai gialloturchesi, che difendono i colori del Kazakistan, forse, sarebbe stato eccessivo.

La tappa di oggi è stata infiammata dall'azione di Giovanni Visconti, ma soprattutto dalla piccola-grande impresa di Aru, che aveva bisogno di un'enorme iniezione di fiducia. Un'azione, quella del sardo, portata avanti più con la testa e con il cuore che con le gambe. Era stato Giovanni Visconti a inserire il detonatore in una tappa disputata fra Piemonte e Val d'Aosta a una media altissima (addirittura oltre 50 orari per la prima ora di corsa).

Il corridore Movistar ha staccato Rutkiewicz, Kiryienka e Kochetkov, poi è stato ripreso, ma è ripartito a tutta, facendo il vuoto. Mancavano, però, poco più di una quarantina di km al traguardo, troppi anche per un atleta oltremodo generoso. Visconti, infatti, verrà ripreso a 10,4 km dall'arrivo dal gruppetto della maglia rosa che scatta subito seguito da Landa; Aru sembra staccarsi di nuovo, ma è solo un attimo. Il sardo rientra e rilancia ai -8,8; 200 metri dopo va via Hesjedal e sembra l'azione giusta, ma manca ancora troppo al traguardo. Aru ci riprova e va via ai -7,6, riuscendo a riportarsi sul canadese vincitore del Giro 2012, che stacca a poco più di 6 km dall'arrivo. È l'azione giusta.  Aru prosegue e accende l'entusiasmo dei numerosi tifosi sardi, partiti dall'isola per sostenerlo in questi ultime fatiche del Giro.

Il 'Tamburino sardò stringe i denti e pedala, alle sue spalle Landa controlla Contador che lascia fare, senza spendersi più di tanto. Anche se dovesse perdere 2' sarebbe un danno limitato (e calcolato), alla vigilia dell'ultima tappa di alta montagna, con la 'Cima Coppì del Colle delle Finestre, quindi l'arrivo a Sestriere.  Aru vola verso il traguardo e si prende una bella soddisfazione, mentre i suoi avversari più quotati proseguono come fossero in parata. Conti alla mano, Contador sorride, Landa si consola con la vittoria di squadra e Aru esulta dopo una sequela di flop. Il futuro sarà anche suo, ma il presente è più che mai di re Contador.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X