Martedì, 18 Febbraio 2020
stampa
Dimensione testo

Sport

Home Sport Dakar 2015 sudamericana, il via da Buenos Aires
RALLY

Dakar 2015 sudamericana, il via da Buenos Aires

di
La competizione impegnerà 665 partecipanti da ben 53 Paesi: in corsa 164 moto, 138 auto, 48 quad e 64 camion

BUENOS AIRES. È tutto pronto per il via della Dakar 2015 che, ormai dal 2009, per ragioni di sicurezza, si disputa in America Latina e non più in Africa. Piloti, mezzi ed equipaggi hanno raggiunto Buenos Aires, dove domenica prenderà il via una nuova edizione del rally più duro del pianeta. La 37ª edizione porterà i concorrenti a sfidarsi su un percorso di 9.000 chilometri (8.000 per i camion), attraverso Argentina, Bolivia e Cile, ancora più duro di quello previsto in passato. Più della metà di questi chilometri sono di prova speciale, con settori cronometrati che possono superare i 500 chilometri e che saranno oltre 700 nel caso della tappa di ritorno dalla Bolivia, tra Uyuni e Iquique. C’è molta attesa per le tre tappe oltre i 3.500 metri di altitudine, con una punta oltre i 4.200, così come per il ritorno di una tappa «marathon», ovvero senza assistenza possibile se non quella tra i concorrenti, anche per gli equipaggi auto.

L’edizione 2015 prevede difficoltà per i concorrenti già dalle prime battute: nel secondo giorno, infatti, è prevista la prova speciale più lunga di tutta la gara, da Villa Carlos Paz a San Juan, per un totale di 518 km, cui si aggiungono 107 km di trasferimento. Mercoledì 7 gennaio i concorrenti, con la quarta tappa, entreranno in Cile, dopo aver valicato le Ande all’altitudine di ben 4.800 metri: un test durissimo per la meccanica dei veicoli, ma anche per la resistenza fisica degli equipaggi. Ad attenderli ci sarà poi il deserto cileno di Atacama, da attraversare fino a raggiungere il mare e Iquique, dove è prevista una giornata di riposo, differenziata per le diverse tipologie di veicoli in gara (sarà il 12 gennaio per auto e camion). Da Iquique gli equipaggi risaliranno in quota, entrando in Bolivia e raggiungendo i 3.500 metri di altitudine: ad attenderli c’è il deserto di sale di Uyuni. Ma non è finita, perché, prima di tornare in Argentina, la carovana si dirigerà ancora verso Iquique, con percorsi differenti tra auto, camion, quad e moto, per fare tappa a Calama e riattraversare solo il 14 gennaio la frontiera tra Cile e Argentina, facendo rotta su Salta e passando dalle Salinas Grandes a 3.600 metri. Il ritorno a Buenos Aires è previsto per sabato 17 gennaio.

LA VERSIONE INTEGRALE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

TAG: , ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X