Martedì, 10 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
IL PARADOSSO

Dipendenza da smartphone: tutte le app per combatterla

ROMA. Vincere la dipendenza da smartphone si può, anche con un’app. Sembra un controsenso, ma tra giochi a punti e assistenti virtuali un tentativo per recuperare un rapporto più sano col cellulare si può fare. Anche perché per alcuni utenti, soprattutto giovanissimi, il vizio del telefonino rischia di trasformarsi in una vera malattia che nella forma estrema si chiama nomofobia.

La schiera di applicazioni e accessori per disintossicarsi comincia a crescere a dismisura. In Giappone, ad esempio, arriverà sul mercato ad agosto una custodia molto particolare, pensata per i genitori che vogliono combattere la dipendenza dei figli dallo schermo del cellulare. Si chiama Otomos e, come riporta il Japan Times, è una specie di timer che si fissa al telefonino dei ragazzini con una vite difficilmente rimovibile.

Tramite un’apposita app, l’accessorio consente di impostare i tempi di utilizzo del telefonino ed è in grado anche di disattivarlo se rileva che chi lo possiede sta camminando, per evitare incidenti per distrazione.

Samsung, invece, ha pensato di trasformare in un gioco le restrizioni imposte dai genitori: l'app Marshmallow premia i bambini se si attengono ai limiti d’uso decisi da mamma e papà. I punti non rimangono virtuali: possono essere convertiti in buoni regalo su Amazon, Best Buy, Google Play e altri negozi, digitali e non.

Di impostazione ludica è pure l’applicazione Forest che fa coltivare piante e alberi in una foresta virtuale solo se ci si astiene dall’usare lo smartphone. StepLock fa uno scatto ulteriore e invita a fare esercizio fisico: blocca alcune app finché l’utente non completa un esercizio posto come obiettivo.

Dinner Mode invece invita a tenere lontano il telefono dal tavolo mentre si mangia sfidando l’utente con un timer. E poi ci sono applicazioni che si affidano anche all’intelligenza artificiale. Una è l’assistente virtuale di Onward: si propone come un coach personale che dà suggerimenti mirati per «guarire» da diverse forme di dipendenza online, dall’abuso dei social media allo shopping compulsivo in rete.

Tutti problemi seri che i neuropsichiatri invitano a non sottovalutare. La dipendenza da smartphone può tradursi in nomofobia, ovvero il timore ossessivo di non essere raggiungibili al cellulare, una psicosi che colpisce per lo più giovani tra i 18 e 25 anni, con bassa autostima e problemi relazionali.

L’ultimo allarme è stato lanciato da un team di esperti proprio nelle ultime settimane, con l’invito, per i casi più gravi, a rivolgersi alla psicoterapia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X