Venerdì, 30 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Due inverni in Antartide, italiana batte il record "del freddo"
L'IMPRESA

Due inverni in Antartide, italiana batte il record "del freddo"

ROMA. Ama il mare e il caldo, ma non sono nulla di fronte alle distese sterminate di ghiaccio dell'Antartide e, soprattutto, «non c'è nessun altro posto al mondo dove tutti sono tenuti ad aiutarsi e in cui possano nascere legami forti e bellissime amicizie»: è per questo che Simonetta Montaguti ha deciso di affrontare il suo secondo inverno nel continente bianco, diventando la prima donna a lavorare per due inverni nella base italo-francese Concordia.

Nata a Forlì, laureata in ingegneria civile, ha fatto la prima spedizione nel 2006 nella base italiana «Mario Zucchelli», aperta solo in estate e gestita dal programma Nazionale di Ricerche in Antartide (Pnra) del quale fanno parte Enea e Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr).

La passione per l'Antartide è esplosa allora e non l'ha più abbandonata, tanto che nel 2013 ha deciso di affrontare il suo primo inverno nel continente bianco, lavorando nella base Concordia, gestita dal Pnra e dall'Istituto polare francese «Paul Èmile Victor».

Anche questa volta svolge le sue ricerche per l'Istituto di Scienze dell'Atmosfera e del Clima del Cnr (Cnr-Isac).

Con le sue due torri cilindriche sperdute in un vero e proprio deserto bianco, Concordia ricorda da vicino una base spaziale.

Lavorare lì in inverno significa uscire due volte al giorno, al buio, a temperature che il 12 giugno scorso hanno toccato meno 81,2 gradi e con un vento forte, che fa percepire il freddo ancora più intensamente.

Ma il 'mal d'Antartide' azzera qualsiasi difficoltà:

«Quando sei qua ti senti contenta e quando ti allontani vorresti tornare», ha detto.

«Ho scelto di ripetere l'esperienza dell'inverno sicuramente per un mio desiderio personale: dopo la prima spedizione del 2006 l'Antartide mi è rimasta nel cuore».

Con lei nella base ci sono 11 colleghi, quattro dei quali italiani.

L'unica altra donna è la glaciologa francese Nicole Hueber, con la quale Simonetta Montaguti collabora più strettamente nelle ricerche di fisica e chimica dell'atmosfera.

«Quando usciamo dobbiamo fare molta attenzione, il laboratori esterni si trovano nel raggio di un chilometro dalla base e ogni volta che usciamo dobbiamo comunicare il nostro percorso».

Dopo aver controllato le stazioni meteo, ogni sera deve rilasciare un pallone sonda per rilevare i dati relativi a temperatura, pressione, velocità del vento, umidità e direzione, in modo da confrontarli con quelli registrati a terra.

I dati che raccoglie sono preziosi anche per studiare fenomeni globali, come i cambiamenti climatici, l'inquinamento e il buco dell'ozono.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X