Venerdì, 30 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Fumare in gravidanza, gli effetti sul cervello del bebè perdurano anche dopo la nascita
LO STUDIO

Fumare in gravidanza, gli effetti sul cervello del bebè perdurano anche dopo la nascita

ROMA. Fumare in gravidanza potrebbe avere effetti a lungo termine sul cervello del bebè, effetti che persistono anche dopo la nascita manifestandosi con anomalie nelle connessioni nervose formate nell'età dello sviluppo. È quanto suggerito da uno studio su animali i cui risultati sono apparsi sulla rivista Nature Neuroscience.

Secondo Marina Picciotto che ha condotto lo studio alla Yale University, la scoperta potrebbe spiegare perché i bambini le cui mamme hanno fumato in gravidanza sono più inclini a manifestare disturbi di attenzione e iperattività. Picciotto ha visto che topolini esposti a nicotina durante lo sviluppo fetale, presentano il malfunzionamento di un gene importante per la formazione di sinapsi e connessioni nervose durante l'età dello sviluppo.

Come controprova la scienziata ha alterato questo stesso gene nel cervello di topolini mai esposti a nicotina, e visto che così facendo si riproducono gli stessi difetti neurali visibili nei topolini che in età prenatale avevano «respirato» la nicotina.

Questi topolini, peraltro, mostrano disturbi comportamentali assimilabili a quelli dei bambini con deficit di attenzione e iperattività, malattia già associata in precedenti studi al fumo in gravidanza.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X