Martedì, 24 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società L'aceto? Possibile alleato per salvare le barriere coralline
LO STUDIO

L'aceto? Possibile alleato per salvare le barriere coralline

ROMA. Per salvare le barriere coralline potrebbe bastare del normale aceto da cucina. Stando a uno studio della James Cook University, la stella corona di spine, una specie di stella marina che si nutre esclusivamente di corallo e che è tra i principali responsabili del declino della barriera, può essere uccisa con una dose di aceto. Basta iniettare 20 millimetri, dicono gli esperti, e la morte della stella è certa al 100% nel giro di 48 ore.

Per i ricercatori l'aceto potrebbe sostituire la taurina, sostanza già usata per uccidere le stelle corona di spine, che è più costosa e difficile da reperire soprattutto nei paesi in via di sviluppo. L'efficacia dell'aceto è stata dimostrata in test di laboratorio, cui ora seguiranno test sul campo in modo da avere la certezza che il procedimento sia sicuro per la fauna e la flora marine. "Non c'è ragione per pensare che non funzionerà o che sia dannoso, ma dobbiamo esserne certi", spiega l'autrice dello studio Lisa Bostroem-Einarsson.

La somministrazione dell'aceto può rivelarsi utile per contenere la crescita delle popolazioni di stelle marine, ma sebbene la somministrazione individuale sia l'unico metodo finora a disposizione, per gli esperti non sarà sufficiente da sola a salvare i coralli. "Si stima che solo sulla Grande barriera corallina ci siano tra i 4 e i 12 milioni di stelle corona di spine, e ogni femmina della specie deposita 65milioni di uova in una singola stagione riproduttiva", evidenzia Bostroem-Einarsson. "Per ucciderle tutte in questo modo servirebbe uno sforzo incredibile, ma sappiamo che sforzi sostenibili possono salvare singole barriere coralline".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X