Mercoledì, 25 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Aumentano i cani randagi, allarme a Gela: chiude l’Acropoli di Molino a vento
NEL NISSENO

Aumentano i cani randagi, allarme a Gela: chiude l’Acropoli di Molino a vento

di
Dopo il blocco di una strada, disposto dal sindaco, adesso si ferma l’attività di un’area culturale, meta anche delle scolaresche

GELA. Un’avanzata dei cani randagi quella che si registra a Gela, dove sono state interdette alle persone due aree pubbliche. L’ultima, in ordine di tempo, è l’Acropoli di Molino a vento. Il provvedimento è stato emesso da Ennio Turco, dirigente del parco archeologico regionale di Gela, che parla di motivi di sicurezza.

A fare scattare l’ordinanza e la chiusura del sito di interesse turistico è stata la presenza di dieci cani randagi. Il primo cittadino di Gela, Domenico Messinese, che per lo stesso motivo a fine agosto era intervenuto con un’ordinanza per impedire alle persone di passeggiare a ridosso del torrente Gattano, parla di «fenomeno randagismo» avendo individuato numerose aree a rischio all’interno del perimetro urbano della città del golfo: dalla foce del fiume Gela al torrente Gattano, passando per il costone della zona a sud e dalla periferia a nord di via Butera, dove i cani trovano cibo dalle discariche abusive a cielo aperto. Le istituzioni per correre ai ripari hanno convocato un tavolo straordinario a Caltanissetta. I sindaci dei comuni nisseni si daranno appuntamento lunedì 28 settembre. In quella circostanza saranno chiamate a pianificare un’azione di contrasto al fenomeno randagismo.

DAL GIORNALE DI SICILIA DEL 18 SETTEMBRE 2015

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X