Martedì, 20 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società L'insulina per via nasale limita la perdita di memoria
ANZIANI

L'insulina per via nasale limita la perdita di memoria

ROMA. L'insulina immessa nella cavità nasale arriva alle zone del cervello colpite da Alzheimer e demenza senile con risultati duraturi nel migliorare la memoria e senza finire nel sangue. A dimostrare l'efficacia dell'utilizzo di insulina, per il trattamento dei problemi cognitivi legati all'invecchiamento è un nuovo studio condotto da ricercatori della University of Washington School of Medicine, della Veteran Administration Puget Sound e della Saint Louis University.

Fino ad ora era noto l'effetto dell'insulina sulla memoria ma "c'erano poche prove di come entrasse nel cervello e come agisse", ha detto William Banks, uno degli autori dello studio.

I ricercatori di questo studio, pubblicato sul 'Journal of Alzheimer', hanno utilizzato un modello di topo che, andando avanti con l'età, sviluppa problemi di apprendimento e memoria.

Nel test di riconoscimento degli oggetti, dopo una singola dose di insulina intranasale, le cavie riuscivano a ricordare gli oggetti visti prima, diversamente da quelle cui non era stata somministrata. I ricercatori hanno anche visto che l'insulina non finisce nel sangue, eliminando così una delle principali preoccupazioni nella comunità medica, perché abbasserebbe i livelli di zucchero. Inoltre, dosi ripetute aumentano l'efficacia per la memoria. La malattia di Alzheimer e altre forme simili colpiscono oltre 44 milioni di persone e il numero è destinato a raddoppiare entro il 2030.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X