Venerdì, 22 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società "Sindrome da spogliatoio": sempre più interventi per l'allungamento del pene
IL FENOMENO

"Sindrome da spogliatoio": sempre più interventi per l'allungamento del pene

ROMA. Migliorare un rapporto in crisi, superare le difficoltà collegate a una malattia o aumentare la propria autostima intaccata dall'ormai nota 'sindrome da spogliatoio': sono queste le principali ragioni che spingono sempre più uomini a rivolgersi al chirurgo per chiedere l'allungamento e l'ingrandimento del pene. Un intervento che ha registrato, solo nel 2014, un aumento delle richieste pari ad oltre il 20%, ed a sorprendere è anche l'età dei potenziali pazienti: sono soprattutto giovani fra i 18 e i 35 anni, con una preparazione culturale medio-alta e di estrazione sociale varia.

Ad inquadrare il fenomeno è Giovanni Alei, direttore del Centro di chirurgia genitale maschile del Policlinico Umberto I di Roma, all'avanguardia per le metodiche chirurgiche in grado di rendere mininvasivi gli interventi, e presidente della Società Italiana di Chirurgia Genitale Maschile (Sicgem) in occasione dell'incontro 'Salute sessuale maschile: La nuova chirurgia mininvasiva e correttiva'. Per quanto riguarda l'allungamento, nel Centro dell'Umberto I, spiega Alei, ''viene adottata la metodica che prevede l'inserimento di un distanziatore in silicone fra pube e base del pene, che ben si adatta alle caratteristiche anatomiche del paziente. Per  l'ingrandimento, il problema riscontrato nelle tecniche tradizionali è legato al grasso utilizzato. I pazienti in questo
caso avvertono la sensazione di avere una sorta di strato di gommapiuma, tra la cute e i corpi cavernosi. Al Policlinico si è cominciato ad usare invece il derma umano e suino liofilizzati ottenendo ottimi risultati''.

Le tecniche più attuali, conclude l'esperto, ''consentono aumenti di dimensione intorno al 25-30%,
restituendo sicurezza per intraprendere una vita di relazione normale''. Sono 500 gli interventi effettuati ad oggi.

Ad oggi, rileva Alei, ''abbiamo operato più di 500 pazienti per allungamento o ingrandimento del pene". Ma gli interventi effettuati sono anche di altri tipi: si interviene con la chirurgia, ad esempio, anche per gli incurvamenti del pene congeniti o acquisiti o per il varicocele, una delle patologie genitali maschili più note e la prima causa di infertilità per gli uomini italiani.

Il problema però, conclude lo specialista, ''è che solo da pochi anni le patologie e i disturbi legati all'apparato riproduttivo maschile godono della giusta attenzione da parte dell'opinione pubblica e degli stessi pazienti. Forse - conclude - a causa di eccessivo pudore o scarsa informazione, gli uomini anche in età matura trascurano questa parte del corpo''. Una barriera, è il monito degli esperti, che va superata.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X