Martedì, 25 Febbraio 2020
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Fiori e frutti per lei, muschio e legno per lui: ecco i profumi dell'anno
TENDENZE

Fiori e frutti per lei, muschio e legno per lui: ecco i profumi dell'anno

ROMA. La fragranza preferita dagli italiani per la pelle delle donne è una scia delicata di fiori, rose e frutti di albicocca e pesca. Il profumo che invece rende irresistibile un uomo è una miscela di note ambrate, muschi, boschi e legni. Queste le note olfattive dei profumi femminili e maschili, rispettivamente Miss Dior Blooming Bouquet e Bleu de Chanel Eau de Parfum, appena eletti "i migliori dell'anno" alla cerimonia della 26esima edizione del premio internazionale Accademia del Profumo a Milano. Sono stati scelti da un campione di consumatori che ha annusato le singole nuances e votato in una rosa di 10 profumi femminili e 10 maschili arrivati in finale su un totale di 32 prodotti. Complessivamente hanno votato 65.000 persone.

Il profumo più venduto dell'anno 2014 in Italia invece è stato Black Opium di Yves Saint Laurent, creato da un team di nasi professionisti, composto da Nathalie Lorson, Marie Salamagne, Honorine Blanc e Oliver Cresp.

"Il primo profumo che ho creato risale a 35 anni fa" - spiega Nathalie Lorson, riconosciuto naso della casa essenziera svizzera Firmenich, che ha ricevuto un riconoscimento speciale dall'Accademia del Profumo per la creazione del profumo Black Opium YSL. La societá svizzera produce fragranze e aromi da oltre un secolo, è seconda al mondo e vanta fra i direttori ricerca il croato Lavoslav Ružička, Nobel per la chimica nel 1939.

"I tempi cambiano, il mondo intorno a te e tu con lui, e così i gusti olfattivi" - precisa Lorson - "La mia prima creazione in profumeria alcolica fu una fragranza fiorita, molto fresca, alla fine degli anni '80. Tutto si evolve negli anni e col tempo ho potuto lavorare a fragranze molto diverse". Il naso vanta una serie di successi commerciali nell'ambito dei profumi scelti dai principali stilisti, come Versace, Gucci, Trussardi, Moschino, Bulgari.

Presenti alle premiazione, per la prima volta, 11 nasi internazionali che inventano le fragranze più famose al mondo e molti profumi di nicchia delle principali industrie. Ma quale è il loro profumo preferito? "Amo lavorare con tutti i tipi di note e non ho ingredienti preferiti. Mi piace esplorare e scoprire" risponde Lorson.

E il profumo della memoria? Per Maurizio Cerizza, esperto naso italiano con alle spalle studi alla Scuola di Profumeria Roure di Grasse, non ci sono dubbi:"E' legato al mare della mia infanzia, in particolare all'odore delle foglie di fico. Ci sono continue evocazioni legate alle essenze, anche molto personali. Il legno di sandalo ha una sfumatura che ricorda il latte, l'artemisia davana il fico, l'ambretta la buccia della pera e l'assoluta di rhum i legni bruciati".

"Ai profumi servono i ricordi per creare una memoria olfattiva" - sostiene anche Antoine Maisondieu, naso della più grande casa essenziera al mondo, la svizzera Givaudan. -"Quelle usate dal nostro gruppo, quelle dei nostri genitori o di una bella fragola colta in un particolare momento".

"Non sono un'esperta di essenze ma sono molto attenta agli odori che collego ai ricordi" - sottolinea Filippa Lagerback, che ha condotto la serata di premiazione -"In particolare ho nostalgia dell'odore della mia casa precedente. Ho traslocato in quella nuova ed ho perso il profumo di casa e, ammetto, mi commuovo di fronte ai lillá che sono il profumo della mia infanzia".

"Profumarsi piace agli italiani tanto che un prodotto di bellezza su 10 venduti nella penisola è un profumo" - afferma Luciano Bertinelli, Presidente Accademia del Profumo - "La nostra associazione, che si occupa di essenze, rappresenta il 10% del fatturato totale della cosmesi, corrispondente ad un milardo di euro".

Durante la cerimonia sono stati consegnati anche altri riconoscimenti. Una giuria tecnica, composta da giornalisti, profumieri e membri dell'Accademia, ha premiato infatti altre 4 categorie: come 'migliore creazione olfattiva' il profumo da donna Knot Bottega Veneta e, come maschile, Bulgari Man in black. Come 'miglior profumo femminile made in Italy' è stato scelto Acqua di Parma Rosa Nobile e, fra i maschili, Bulgari Man in Black. Nella categoria 'miglior profumo di nicchia' hanno vinto il femminile Armani Privé Pivoine Suzhou e il maschile Acqua di Parma Colonia Leather. Come 'miglior packaging' sono stati premiati il femminile La Panthère Cartier e Valentino Uomo. Una giuria di Vip, presieduta da Filippa Lagerback e Saturnino Celani, ha invece scelto come migliore campagna pubblicitaria, il profumo da donna Chanel N.5 e Valentino Uomo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X