Lunedì, 06 Aprile 2020
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Svogliato o volenteroso a scuola? E' tutto scritto nel Dna
EREDITARIETA'

Svogliato o volenteroso a scuola? E' tutto scritto nel Dna

ROMA. Se un bambino è svogliato a scuola è anche 'colpa' del Dna che ha ereditato dai genitori, ovvero la genetica conta moltissimo nella motivazione individuale allo studio, per cui alcuni bambini e ragazzi possono essere di natura più motivati a studiare, rispetto ad altri, indipendentemente dalla bravura dei professori e dall'aiuto di mamma e papà coi compiti a casa.

Lo rivela una ricerca su ben 13 mila coppie di gemelli identici e non, pubblicata sulla rivista Personality and Individual Differences. Non significa che insegnanti e genitori non debbano mettere impegno per motivare bambini e ragazzi allo studio, coinvolgerli e interessarli, spiega uno degli autori del lavoro Stephen Petrill della Ohio State University, ma che la motivazione allo studio è un fenomeno ben più complesso che va oltre il semplice incoraggiamento e dipende molto da fattori genetici ereditari, cioè è per molti versi una caratteristica innata.

Questo lavoro è un classico studio su gemelli identici e gemelli non identici per pesare il ruolo di geni e fattori ambientali (stimoli esterni, scuola, influenze familiari e amicizie etc) su una certa caratteristica, in questo caso la motivazione allo studio. I gemelli coinvolti (dai 9 ai 16 anni di età) sono di sei paesi diversi con sei differenti sistemi di istruzione (Germania, Usa, Gran Bretagna, Canada, Giappone e
Russia). Gli esperti hanno studiato con vari test psicologici il grado di partecipazione, motivazione allo studio o al contrario la svogliatezza di ciascuno e visto che di solito i gemelli identici - che hanno identico Dna - condividono la motivazione allo studio o, al contrario, la svogliatezza; non così i gemelli diversi che hanno Dna simile ma non uguale. Da questa indagine i ricercatori hanno dedotto che la motivazione allo studio dipende da fattori ereditari almeno per il 40-50% e che quindi l'ambiente non ha un ruolo forte come si è creduto finora.

 

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X