Mercoledì, 25 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Spopola EyeTaste, app per videogiornalismo
COME FUNZIONA

Spopola EyeTaste, app per videogiornalismo

MILANO. Raccontare il mondo con le videocamere più diffuse, quelle degli smartphone: se questa è la direzione intrapresa dalla comunicazione digitale, EyeTaste promette ai suoi utenti un'esperienza social video superiore. Lanciata per la prima volta lo scorso giugno dopo un anno di sviluppo, l'app è stata presentata dal suo fondatore Francesco Bevivino: «Non vogliamo che sia un'app virale per diffondere video 'buffi' ma uno strumento per editori e agenzie creative».

Pur accompagnata da una sua piattaforma sociale, EyeTaste non vuole fare concorrenza a YouTube. Agli utenti Android e iOS (prossimamente anche Windows Phone) l'app dà invece accesso a strumenti avanzati per ricavare il massimo dal proprio smartphone: in una moviola virtuale si possono montare video e immagini, inserire una sigla iniziale, sovrapporre una traccia parlata o musicale e perfino, feature più unica che rara, gestire il bitrate audio e video della clip.

Pur mantenendo un profilo user-friendly, EyeTaste insomma non si rivolge all'occasionale reporter ma al professionista della comunicazione: la versione 'free' contiene di fatto solo alcune delle possibilità menzionate e consente di girare video di 1 minuto, contro i 10 della 'Pro'. Bevivino non teme insomma il neonato servizio di broadcast Periscope di Twitter:

«È molto interessante, ma manca di un'organizzazione del contenuto e se
si perde la diretta non c'è modo di recuperare - osserva Bevivino - anche EyeTaste potrebbe offrire un servizio live, ma bisogna confrontarsi con una carenza infrastrutturale delle reti dati». EyeTaste punta così sulla visione in differita di clip ricercabili in base a categoria, titolo, geolocalizzazione, tag ma anche durata. In ogni caso, più che dar battaglia ai giganti del web 2.0, EyeTaste si propone a editori e agenzie di comunicazione: i video possono infatti essere condivisi ovunque con link, player o come file .mp4 da scaricare. EyeTaste è disponibile poi in versione 'white label' completamente personalizzabile: con una spesa fra i 30 e i 50mila euro, spiega Bevivino, la società promette un'app completamente customizzata che punti sì alla pubblicazione massiva di video, ma anche a un controllo centrale da parte del committente. Non è un caso, quindi, che la startup sia in contatto con il corso di giornalismo di IULM, Padiglione Italia di Expo, non-profit e multinazionali per il lancio di app dedicate.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X