Lunedì, 29 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Becchiamoli.it, il primo sito per ritrovare oggetti rubati o smarriti
DEBUTTO ON LINE

Becchiamoli.it, il primo sito per ritrovare oggetti rubati o smarriti

ROMA. Attivo da oggi Becchiamoli.it, il primo sito web in Italia nato per ritrovare oggetti rubati e/o smarriti e contrastare, così, il mercato dell’usato d’illecita provenienza.

Una vera e propria piattaforma virtuale - che racchiude tutte le regioni italiane - su cui in modo facile, veloce e gratuito, si potrà segnalare ogni cosa che è andata persa o è stata sottratta e allo stesso tempo, in caso di acquisti, verificarne l’origine.

Protagonisti e motore di Becchiamoli.it saranno gli stessi utenti che, attraverso le condivisioni sui social e il tam-tam, consentiranno di fare network per ritrovare ciò che è stato taccheggiato o semplicemente smarrito. Una potente, dinamica e interattiva rete di “argonauti” che, attraverso le proprie segnalazioni, permetterà di creare un movimento di denuncia nel nome della legalità e degli acquisti etici.

L’idea di fondo di Becchiamoli.it è che chi è stato derubato o ha semplicemente perso un oggetto a cui tiene, farebbe spesso qualsiasi cosa per riaverlo - spiega l’ideatore Daniele Di Gregoli, della D&C Management, società di comunicazione e di marketing dai contenuti non convenzionali -. Attraverso questa nuova realtà, si potrà quindi contribuire a smantellare il sistema di vendite illecite e a restituire ai legittimi proprietari gli oggetti sottratti. Siamo fiduciosi e crediamo di avere creato un servizio utile per tutti, un nuovo modo di pensare e usare i social network. Non soltanto, quindi, come strumento di svago ma anche come mezzo di crescita della coscienza morale e sociale”.

Il meccanismo è molto semplice. Per segnalare un furto o uno smarrimento basterà, registrarsi (al fine di avere una tracciabilità del denunciante), inserire il proprio oggetto da denunciare e attendere. Anche a distanza di mesi, si potrebbe ricevere l’e-mail da Becchiamoli.it, “forse li abbiamo beccati, controlla se l’oggetto segnalato è di tua proprietà”.

Per chi, invece, volesse accertarsi della legalità della provenienza di un oggetto in vendita su siti di e-commerce e non incorrere così nel reato di “ricettazione e incauto acquisto”, basterà inserire nell’apposito campo, il modello, la tipologia e un codice. Se dovesse risultare smarrito o rubato, potrà segnalarlo al proprietario - con la libera scelta di rimanere nell’anonimato - facendo un copia/incolla del link del sito dove ha visionato l’oggetto. Da qui il payoff Acquisti etici.

Più di venti le categorie, inserite nel menù a tendina della homepage, previste per le segnalazioni: si va dagli accessori auto e moto, all’abbigliamento, dagli oggetti preziosi agli animali, dagli articoli e accessori per la casa allo sport e l’elettronica, dagli strumenti musicali alla telefonia passando per il collezionismo e le chiavi di casa, auto o moto.

L’inaugurazione virtuale di Becchiamoli.it si terrà oggi alle 10.30.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X