Domenica, 29 Marzo 2020
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società L'ormone "dell'amore" in uno spray nasale: aiuta a mangiare di meno
CONTRO L'OBESITA'

L'ormone "dell'amore" in uno spray nasale: aiuta a mangiare di meno

ROMA. L'ormone dell'amore e del parto (ossitocina), somministrato sotto forma di spray nasale, riduce l'introito calorico di una persona, la quantità di cibi ingeriti, specie di quelli grassi, e potrebbe divenire un ottimo strumento antiobesità.

E' quanto dimostra una ricerca di Elizabeth Lawson della Harvard Medical School a Boston presentata al meeting della Endocrine Society americana in corso a San Diego.

Lo studio, condotto per ora solo su uomini, mostra anche che l'ossitocina aumenta il metabolismo e migliora il controllo glicemico (dello zucchero nel sangue).

Resta da capire il meccanismo d'azione dell'ormone che non sembra agire sul senso di sazietà percepito dall'individuo.

L'ormone ossitocina è fondamentale al momento del parto ma anche nell'instaurarsi del legame affettivo madre-figlio sin dai primissimi giorni di vita del bebè. Il suo uso è stato ipotizzato per svariate patologie anche complesse come l'autismo.

L'ossitocina spray è un prodotto già approvato dalle autorità europee di controllo sui farmaci ma non da quelle statunitensi.

Gli esperti Usa l'hanno somministrata a un campione di maschi dopo un breve periodo di digiuno e prima che venisse offerta loro una lauta colazione. Un altro campione di soggetti, invece, riceveva una spruzzata placebo nella stessa formulazione spray e nelle stesse condizioni sperimentali. Ebbene una sola dose di ossitocina è risultata sufficiente a ridurre l'introito calorico e la quantità di cibi consumati a colazione dai volontari.

L'ossitocina risulta inoltre efficace anche nel migliorare il metabolismo e il controllo glicemico e nel ridurre il consumo di grassi.

Lo stesso studio va ora ripetuto anche su un campione femminile di volontari per vedere se produce gli stessi effetti; infine va ripetuto per entrambi i sessi per verificare la possibilità che gli effetti sin qui evidenziati siano perdurino a lungo termine.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X