Lunedì, 17 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Con il cellulare a tavola: la schiavitù dell'iperconnesso
L'INDAGINE

Con il cellulare a tavola: la schiavitù dell'iperconnesso

ROMA. Seduti a tavola con altre persone ma con gli occhi fissi sul cellulare e a scorrere veloce sullo schermo dello smartphone. La mala educazione si è impossessata della maggior parte di noi, l'essere sempre iper-connessi ci rende sempre più schiavi degli aggiornamenti, dei contatti digitali, degli interventi nelle chat al punto che non ci sembra poi così grave se anzichè parlare con chi ci sta di fronte scriviamo sul telefonino. La foto della persona seduta a cavalcioni sulla barca a vela che smanetta con lo smartphone perdendosi lo spettacolo di una balena che passa davanti ai suoi occhi è la sintesi di questa tendenza che, inutile starla troppo a giudicare, riguarda un po' tutti in maniera più o meno pesante. Non è certo solo l'Italia ad essersi ridotta così. Una ricerca appena diffusa realizzata in Europa fa emergere che  l’83 % degli intervistati desidera una maggiore e più sincera attenzione dagli altri. Allo stesso tempo c’è una chiara maggioranza (il 70%) che riconosce anche una propria responsabilità, dichiarando di poter dimostrare più attenzione al prossimo. Tre cittadini su quattro (76 %) sono completamente o abbastanza d’accordo con l’affermazione che con la grande diffusione di Internet, delle e-mail e dei cellulari sempre connessi i rapporti interpersonali sono diventati più superficiali. Più digitali, meno sociali: una persona su due dedica al proprio telefono cellulare più attenzione che al partner Il telefono cellulare può diventare un elemento di disturbo per una relazione: in Europa un intervistato su due conferma che il partner dedica una maggiore attenzione al proprio telefono cellulare che alla persona amata.

Le coppie sposate, sotto questo aspetto, sono più attente di quelle non sposate: mentre il 48% degli intervistati sposati è dell’opinione che il partner presti una maggiore attenzione al telefono cellulare che a loro stessi, le coppie non sposate intervistate concordano con questa affermazione in misura nettamente maggiore (58%).

Guardiamoci negli occhi: all’84% degli intervistati dà fastidio se una persona guarda il telefono cellulare durante una conversazione In tutti i paesi interessati dall’indagine, quattro intervistati su dieci (39%) affermano di controllare sempre o spesso gli aggiornamenti o le notizie che arrivano sul loro telefono cellulare, anche quando sono in compagnia. Quasi altrettanti (38%) affermano che spesso tengono il telefono cellulare sul tavolo quando sono seduti con altre persone. In generale, emerge un grande bisogno di maggiore attenzione: il 92% è completamente o abbastanza d’accordo con l’affermazione che guardarsi negli occhi durante un colloquio è importante. All’84% dà fastidio se l’altra persona guarda il telefono cellulare durante la conversazione.

Il valore dell’attenzione e del rispetto è ben radicato nella coscienza di tutti gli europei. Il 71% degli intervistati trova importante il “darsi reciproche attenzioni” quasi quanto la sicurezza finanziaria (79%) – mentre l’essere “raggiungibili a qualsiasi ora” è molto importante solo per una persona su quattro (25 %).

L’istituto di ricerche di mercato e di opinione Forsa ha condotto la ricerca su incarico di Swiss International Air Lines, svolgendo interviste a campione in Germania, Austria, Francia, Italia, Spagna ed Inghilterra in merito ai valori dell’attenzione e del rispetto reciproco. Sono state intervistate 3.272 persone maggiorenni. L’indagine è stata svolta nel periodo dall’8 al 22 ottobre 2014.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X