Domenica, 09 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Scoperto un nuovo gene che "frena" il cancro
RICERCA ITALIANA

Scoperto un nuovo gene che "frena" il cancro

MILANO. Esiste un gene capace di 'spegnere' il cancro, e lo fa con un meccanismo «nuovo e unico»: tenendo cioè sotto controllo l'infiammazione alla base della malattia. La scoperta arriva dall'Istituto Humanitas di Rozzano (Milano), che ha appena pubblicato uno studio sulla rivista scientifica Cell.

In particolare, i ricercatori hanno scoperto che il gene Ptx3 è diverso dai cosiddetti geni 'oncosoppressorì che agiscono sulla cellula tumorale; Ptx3, infatti, «tiene sotto controllo
l'infiammazione che favorisce l'insorgenza e lo sviluppo del tumore». La scoperta è frutto di uno studio coordinato da Alberto Mantovani e finanziato dall'Associazione Italiana per la Ricerca contro il Cancro (Airc).

«Per capire l'importanza di questo studio - spiega Mantovani, direttore scientifico di Humanitas - bisogna ricordare quali sono le caratteristiche che connotano come tumorale una cellula: se la paragoniamo a un'automobile, è come se avesse l'acceleratore sempre schiacciato, e i freni che non funzionano». L'acceleratore sono gli oncogeni, che in modalità sempre attiva spingono per far riprodurre il cancro; i freni sono invece i geni oncosoppressori. «Altra caratteristica fondamentale della cellula tumorale è il fatto di essere inserita in una 'nicchia ecologicà particolare: un microambiente infiammatorio nel quale e grazie al quale cresce e prolifera».

Lo studio appena pubblicato su Cell dimostra per la prima volta che il gene Ptx3, scoperta 20 anni fa dallo stesso Mantovani e dal suo team, frena la formazione del cancro con un meccanismo nuovo: «Le nostre ricerche hanno evidenziato che in alcuni tumori, come quelli al colon, alla pelle e un tipo di sarcomi, la molecola Ptx3 viene come 'spenta' precocemente.
Questo spegnimento porta il tumore a reclutare i macrofagi, cellule del sistema immunitario che finiscono per promuoverne la crescita e l'instabilità genetica. Si tratta di una scoperta inattesa, da cui ci aspettiamo importanti implicazioni sul fronte clinico».

I ricercatori stanno già lavorando per cercare di trasformare le potenzialità di Ptx3 in una cura concreta: «La stiamo testando come potenziale farmaco per impedire le infezioni da
Aspergillus nei pazienti affetti da tumore - conclude Mantovani - e con le difese immunitarie compromesse. Oggi, questa nuova scoperta fornisce un ulteriore motivo per attivare una
sperimentazione clinica di Ptx3 contro i tumori».

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X