Domenica, 17 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società L'uomo erode il suolo cento volte più velocemente della natura
NATURA

L'uomo erode il suolo cento volte più velocemente della natura

ROMA. Le attività dell'uomo erodono il suolo 100 volte più velocemente dei processi naturali. Lo sostiene una ricerca pubblicata sulla rivista Geology, che sottolinea come la rimozione delle foreste e l'agricoltura intensiva possano accelerare notevolmente l'erosione.  Lo studio, condotto da ricercatori della University of Vermont e Imperial College di Londra, ha analizzato 10 fiumi negli Usa e quantificato il livello di erosione degli ultimi millenni, scoprendo che prima della colonizzazione degli europei si sgretolava circa un pollice (circa 2,5 cm) di suolo ogni 2500 anni, mentre nei primi del '900 la percentuale è aumentata ad un pollice ogni 25 anni.

«È più di un aumento di cento volte», ha detto Paul Bierman, geologo della University of Vermont e tra gli autori della ricerca. I ricercatori sottolineano come disboscamento e coltivazione intensiva di cotone e tabacco in pochi decenni abbiano eroso una quantità di suolo che la natura avrebbe invece impiegato migliaia di anni a sgretolare. «Il nostro studio - ha spiegato Dylan Rood, geologo all'Imperial College e co-autore della ricerca - mostra l'enorme effetto che la colonizzazione europea e l'agricoltura hanno avuto sul paesaggio del Nord America».

Per verificare il tasso di erosione gli scienziati hanno calcolato la quantità di berillo 10 nei sedimenti dei fiumi: più lenta è l'erosione, più berillio-10 si accumula. I campioni prelevati hanno così rivelato la quantità di terreno persa nelle ultime decine di migliaia di anni, permettendo agli scienziati di confrontare le percentuali pre e post colonizzazione.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X