Sabato, 29 Febbraio 2020
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società La vista dei bambini? Migliore se non sono in sovrappeso
LO STUDIO

La vista dei bambini? Migliore se non sono in sovrappeso

Ecco il legame tra obesità e danni alla retina

ROMA. La vista dei bimbi è migliore se non hanno problemi di obesità, mentre quelli in sovrappeso rischiano danni agli occhi fin da piccoli. A dimostrare per la prima volta in campo pediatrico la correlazione tra eccesso di peso e danni alla retina è uno studio del Bambino Gesù pubblicato sul 'Journal of Gastroenterology'. Lo studio ha coinvolto circa 1000 bambini nell'arco di due anni e ha reso evidente l'associazione tra obesità infantile, alterazioni del microcircolo retinico e sviluppo della sindrome metabolica. La percentuale di bambini che presentavano alterazioni della retina è stata, infatti, del 9% a fronte di una percentuale prossima allo zero nella popolazione pediatrica normopeso. Un rischio non da poco se si considera che negli ultimi 20 anni si è assistito a una crescente epidemia di obesità infantile. Tanto che in Italia, secondo dati del Ministero della Salute, il 25% di bambini è sovrappeso, con un picco nella fascia 9-11 anni, in cui il 13% è addirittura obeso.

"Qualora trascurata, tale condizione - spiega Valerio Nobili, responsabile di malattie epato-metaboliche del Bambino Gesù - potrebbe evolvere verso stadi più avanzati fino alla compromissione della vista". I bambini con retinopatia severa, inoltre, presentano livelli più elevati di trigliceridi, maggiore insulino-resistenza e ridotto calo fisiologico notturno della pressione arteriosa, indice predittore di ipertensione.

Inoltre maggior progressione del danno epatico. "È importante quindi, nei casi a rischio, eseguire una attenta visita oculistica", consiglia Luca Buzzonetti, responsabile di Oculistica del Bambino Gesù.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X