Sabato, 28 Marzo 2020
stampa
Dimensione testo

Salute

Home Salute Ictus, alta mortalità in Sicilia: sintomi, cause, nasce una rete per gli interventi
IL PIANO

Ictus, alta mortalità in Sicilia: sintomi, cause, nasce una rete per gli interventi

ictus, sanità, Sicilia, Salute
Studi sull'ictus

Di ictus in Sicilia si muore in media più che nelle altre regioni di Italia (7,5 contro 10,2 ogni 10 mila abitanti maschi; 6,4 contro 9,4 per le donne). Per migliorare in efficienza e tempestività negli interventi, come scrive Antonio Giordano sul Giornale di Sicilia in edicola, arriva un decreto dell'assessorato regionale alla Salute a firma di Ruggero Razza, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale e che approva le linee di indirizzo per la rete dell'ictus cerebrale e il percorso diagnostico terapeutico assistenziale per il paziente con sospetto ischemia cerebrale.

Nel documento si demanda ai direttori generali delle Ssp e a quelli delle aziende sede di stroke unit (i centri di urgenza ad hoc della neurologia e con personale specializzato) di attuare quanto previsto «secondo logiche di sistema in rete».

Si cerca, dunque, di fare di più nel campo della prevenzione e degli interventi in una regione come la Sicilia in cui nel periodo 2004-2010 il numero medio dei decessi osservati è stato di 6.994 con una prevalenza (58,8%) di donne.

I dati parlano chiaro anche a livello nazionale: ictus e infarto uccidono ogni anno 240.000 persone e rappresentano la prima causa di morte e invalidità. Le cause o i fattori di rischio noti sono il colesterolo alto, l'obesità, il fumo, l'uso di sostanze eccitanti e un'inadeguata attività fisica. "Ma restano ancora incredibilmente sottovalutate", sottolinea Michele Gulizia, direttore della Cardiologia dell'Ospedale Garibaldi-Nesima di Catania e presidente della Fondazione per il Tuo cuore dell'Associazione Medici Cardiologi Ospedalieri (Anmco).

Non solo, imparare a riconoscere i sintomi può evitare conseguenze peggiori. Il ministero della Salute, sul suo sito, sottolinea che è fondamentale riconoscerli immediatamente per poter intervenire tempestivamente. Tra questi ci sono la paresi facciale (cioè quando un lato del viso non si muove bene come l’altro); deficit motorio degli arti superiori (cioè quando uno degli arti superiori non si muove o cade se confrontato con l’altro); difficoltà nel linguaggio. Ma altri campanelli d'allarme possono essere l'improvvisa perdita di forza e di sensibilità a di un braccio o di una gamba o di una metà del viso, l'improvvisa perdita di vista che riguardi uno o entrambi gli occhi, l'improvvisa perdita di equilibrio, un improvviso e molto forte mal di testa.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X