Mercoledì, 08 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Tassa rifiuti, in Sicilia è già evasione da record per il «caro bollette»
IN EDICOLA

Tassa rifiuti, in Sicilia è già evasione da record per il «caro bollette»

Sicilia, Politica

L’ammanco era già visibile in primavera, nel periodo in cui, generalmente, i comuni inviano alle utenze la prima rata da pagare, ma adesso e nelle prossime settimane, quel che appare come una pericolosa crepa nella riscossione della Tari rischia di trasformarsi in un buco nero nelle casse pubbliche, una voragine tanto profonda da mandare a gamba all’aria i bilanci di quei municipi siciliani che non sono ancora finiti in dissesto.

Difatti, a causa della crisi energetica e del caro vita, le famiglie dell’Isola con reddito medio-basso e in situazione di difficoltà economica, che non beneficiano di riduzioni sulle accise, davanti al tragico bivio, con a destra la bolletta di luce e del gas, triplicate per costi rispetto al 2021, e a sinistra le nuove rate della tassa per la gestione dei rifiuti, stanno ovviamente dando priorità all’energia di casa, con buona pace delle amministrazioni comunali, per le quali l’imposta sulla spazzatura rappresenta una risorsa essenziale. Secondo le prime stime a Mazara del Vallo: calo di oltre il 50% nei versamenti. E a Gela l’ammanco è cresciuto rispetto allo scorso anno del 10%.

Un servizio di Andrea D'Orazio sul Giornale di Sicilia in edicola oggi

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X