Mercoledì, 30 Novembre 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Obiettivo risparmiare energia: c'è il decreto, meno riscaldamenti accesi. Le novità in Italia e in Sicilia
GOVERNO

Obiettivo risparmiare energia: c'è il decreto, meno riscaldamenti accesi. Le novità in Italia e in Sicilia

di
caro bollette, Caro energia, risparmio energetico, Roberto Cingolani, Sicilia, Politica
Sarà necessario regolare il termostato: limiti all'uso del riscaldamento

Quindici giorni in meno, riduzione di un grado della temperatura e di un’ora al giorno per il riscaldamento quest’inverno. Eccezione però per ospedali, asili, piscine, saune e alcune attività industriali e artigianali a cui i Comuni «abbiano già concesso deroghe ai limiti di temperatura, oltre che agli edifici dotati di impianti alimentati in prevalenza a energie rinnovabili», fa sapere il ministero della Transizione ecologica (Mite) nel comunicare che il ministro Roberto Cingolani ha firmato il decreto che definisce «i nuovi limiti temporali di esercizio degli impianti termici di climatizzazione alimentati a gas naturale».

Queste tre misure, secondo la stima dell’Enea, farebbero risparmiare 2,7 miliardi di metri cubi di gas. Il caro-bollette, che sta colpendo famiglie e imprese, mobilita i Comuni, con i sindaci pronti a chiedere al prossimo governo fino a un miliardo di euro per non mandare in default i bilanci amministrativi.

Intanto, il numero uno di Eni, Claudio Descalzi, rassicura sulle scorte: il gas è sufficiente, salvo ci fossero incidenti tecnici, come ad esempio un guasto o una rottura a un impianto, che riguardano i paesi fornitori o un freddo particolamente rigido. Comunque, «la crisi dei prezzi non si risolverà entro il 2023: ci vorranno almeno tre anni», sentenzia il presidente di Nomisma Energia, in una intervista al settimanale «The Post internazionale» spiegando che «imporre un tetto al prezzo del gas è impossibile e inutile» e che «l'unica via possibile è quella del sostegno diretto dei governi a imprese e famiglie». Ma di base, «senza gas e senza combustibili ed energia di derivazione fossile non ce la possiamo fare in nessun caso».

Ma intanto, per ora, c'è il piano di riduzione dei consumi di gas naturale previsto dal Mite con questo decreto che posticipa di 8 giorni la data di accensione dei termosifoni e anticipa di 7 giorni lo spegnimento. Date che variano a seconda delle sei zone climatiche individuate in Italia. Per cui a Milano anziché il 15 ottobre il riscaldamento partirà il 22 e sarà spento il 7 aprile anziché il 15; a Roma, invece, il riscaldamento previsto dal primo novembre fino al 15 aprile sarà dall’8 novembre al 7 aprile. La Sicilia è divisa fra zona B (Palermo, Trapani, ecc.) con partenza il 15 dicembre anziché l'8 dicembre e spegnimento il 16 marzo anziché il 23 e la zona A (Lampedusa, Sud e Isole) con la stessa data di inizio e fine il 28 febbraio e non più il 7 marzo. Nel primo caso si passa da 7 a 6 ore al giorno, nel secondo da 5 a 4.

La temperatura nelle abitazioni, che è fissata a 20 gradi per convenzione, dovrà scendere a 19. L’Enea (l'Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile), che ha fornito al ministero le valutazioni per il risparmio energetico, pubblicherà un vademecum con le indicazioni essenziali per impostare correttamente la temperatura di riscaldamento che gli amministratori di condominio potranno rendere disponibile ai condomini. In presenza di «situazioni climatiche particolarmente severe», avverte il Mite, i Comuni possono autorizzare l'accensione degli impianti termici alimentati a gas anche al di fuori dei periodi indicati dal decreto, purché per una durata giornaliera ridotta».

E proprio i Comuni sono pronti a chiedere al prossimo governo 200 milioni da inserire nel dl Aiuti quater, e poi 800 milioni in legge di bilancio che potranno valere anche per il 2023 per le situazioni più critiche dei bilanci comunali, ha spiegato il delegato alla finanza locale dell’Anci, Alessandro Canelli annunciando «un pacchetto di misure anche tecnico-contabili per fermare il calo delle entrate dei comuni previsto per il 2023 e per far fronte al perdurare dell’incremento dei costi energetici».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X