Martedì, 16 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Miccichè: «Contro di me aggressioni micidiali, mi hanno salvato Berlusconi e Ronzulli»
PALAZZO REALE

Miccichè: «Contro di me aggressioni micidiali, mi hanno salvato Berlusconi e Ronzulli»

Sicilia, Politica
Gianfranco Miccichè

«Sono stato fortunato, e ringrazio il rapporto di amicizia che mi lega al presidente Silvio Berlusconi, colui che mi ha fatto fare una carriera fantastica, gli devo tutto, sia dal punto di vista lavorativo in Mediaset sia in politica». Lo ha detto il presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè nel corso della cerimonia del ventaglio a Palazzo reale. «Dopo il 61 a 0, - ha ricordato Miccichè - Berlusconi mi disse: che ministero mi lasci libero per trattare con i miei alleati?». Ancora non mi sentivo pronto di fare il ministro, ho preferito fare il viceministro e occuparmi di Sud. Poi, con il tempo, sono diventato ministro. Il mio futuro? Voglio dedicarmi alla famiglia, agli amici, alla politica seria e dedicarmi a tutto quello che mi piace».

Miccichè ha poi fatto riferimento alle «aggressioni micidiali» nei suoi confronti da parte degli assessori e dei presidenti di commissione di Forza Italia: «senza l’intervento di Licia Ronzulli e il sostegno di Berlusconi non ne sarei venuto fuori».

Le leggi impugnate: gravi disparità

«Sembrerebbe che la presidenza della Regione siciliana abbia chiesto al governo nazionale di impugnare la legge blocca nomine proposta dal parlamento siciliano, spero che non sia vero. Se così dovesse essere, sarebbe gravissimo. Non si può considerare - ha aggiunto - questo scontro continuo tra Governo e Parlamento. Siamo stati sul tavolo di chiarimenti tra Regione e Governo sulle impugnative. Vedevamo con sospetto che le norme di iniziativa governativa venivano difese, mentre quelle di iniziativa parlamentare venivano osteggiate. Le leggi le fa il Parlamento, mi dispiace se a qualcuno dà fastidio, ma queste sono le regole».

Subito il candidato alla presidenza

«Siamo pronti a individuare un candidato anche se si dovesse votare la settimana prossima». Cosìil presidente dell’Ars Miccichè ha risposto alla domanda di un giornalista circa l’ipotesi di dimissioni anticipate da parte del Governatore Nello Musumeci per consentire l’election day tra Regionali e Politiche. Il riferimento è alla spaccatura all’interno della coalizione di centrodestra con la ricandidatura dell’uscente Musumeci, sostemuto da Fratelli d’Italia, contestata invace da Forza Italia e Lega. Miccichè ha ribadito il nome dell’ex ministro Stefania Prestigiacomo per la Presidenza della Regione, ma ha anche aggiunto di essere pronto a ragionare su altre candidature come ad esempio quella del parlamentare leghista Alessandro Pagano. «Non ci sono veti nei confronti di nessuno - ha sottolineato il presidente dell’Ars - sediamoci attorno a un tavolo e parliamone».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X