Martedì, 05 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Trasparenza per le criptovalute, l’Europarlamento al lavoro sulle regole
STRASBURGO

Trasparenza per le criptovalute, l’Europarlamento al lavoro sulle regole

Con il contributo dell'Unione Europea
criptovalute, Parlamento europeo, Sicilia, Politica
Il Parlamento Europeo

Assicurare la massima trasparenza possibile sull'emissione e la negoziazione delle criptovalute, con regole chiare anche sulla supervisione delle transazioni. Sono queste le principali richieste formulate in un rapporto adottato dalle competenti commissioni dell’Eurocamera e dalla plenaria in vista del negoziato apertosi con le altre istituzioni Ue (Consiglio e Commissione) per arrivare al varo di quella che potrebbe diventare la prima regolamentazione al mondo delle criptomonete. La riforma mira infatti a normare un universo che attualmente sfugge sia al potere di battere moneta delle banche centrali e sia a quello del controllo di qualsiasi autorità pubblica.

Le disposizioni chiave concordate dagli eurodeputati riguardano la trasparenza, la divulgazione, l'autorizzazione, che farebbe capo all'Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (Esma), e la supervisione, che andrebbe all'Autorità bancaria europea (Eba). I consumatori, secondo gli europarlamentari, dovrebbero venir meglio informati su costi e oneri. E verrebbero regolamentate anche le offerte pubbliche di criptovalute. Nel testo sono poi incluse misure contro la manipolazione del mercato e per prevenire il riciclaggio di denaro, il finanziamento del terrorismo e altre attività criminali, tutte operazioni illecite che si sospetta possano sfuggire ai controlli di polizia proprio attraverso il ricorso alle criptomonete.

Le soglie appaiono poi stringenti, poiché i controlli scatterebbero per lo più sulle transazioni il cui valore supera i 1.000 euro. Ma sul tavolo del Pe e delle altre istituzioni Ue c’è anche il risvolto dell’inquinamento causato da bitcoin e simili. Contro l'elevato impatto ambientale delle criptovalute, «estratte» usando calcolatori dai consumi energetici paragonabili a quelli di intere nazioni. I deputati chiedono alla Commissione di presentare una proposta legislativa che includa nella tassonomia le attività di «estrazione» dei cripto-asset, criptovalute come bitcoin inclusi, entro il primo gennaio 2025. Chiedendo inoltre di specificare se il «mining» o l'«estrazione» sia stata effettuata nel rispetto delle disposizione sulla tassonomia Ue sulla finanza sostenibile.

«Adottando il rapporto sul mercato nei cripto asset (Mica) il Parlamento europeo ha aperto la strada a una cripto-regolamentazione favorevole all'innovazione in grado di fissare standard in tutto il mondo», ha sottolineato Stefan Berger, eurodeputato tedesco del Ppe. «Il regolamento in fase di creazione – ha poi aggiunto - è pionieristico in termini di innovazione, protezione dei consumatori, certezza del diritto e creazione di strutture di vigilanza affidabili nel campo dei crypto-asset. Molti Paesi in tutto il mondo dovranno ora dargli un'occhiata da vicino».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X