Domenica, 25 Settembre 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Forza Italia, spaccatura in Sicilia: Falcone vuole la conferma di Musumeci
VERSO LE ELEZIONI

Forza Italia, spaccatura in Sicilia: Falcone vuole la conferma di Musumeci

Sicilia, Politica
Licia Ronzulli

Forza Italia in Sicilia è spaccata davanti all’importante tavolo delle candidature per la presidenza della Regione, per i sindaci, e sulla gestione del partito. L’ultimo atto che dimostra le divisioni interne è la mancata partecipazione alla riunione di ieri sera all’Ars con la senatrice Licia Ronzulli, venuta a Palermo per fare il punto sulle prossime comunali e regionali, di «pezzi grossi» come gli assessori regionali Marco Falcone, Gaetano Armao e Marco Zambuto, oltre a un drappello di deputati regionali. Viene, in poche parole, contestata la linea del coordinatore regionale Gianfranco Miccichè, che viene definita «ondivaga» e che avrebbe provocato, nel tempo, la fuoriuscita di nomi di peso: Salvatore Lentini, Nino Minardo, Giuseppe Milazzo, del sindaco di Catania Salvo Pogliese, Marianna Caronia, Francesco Scoma, nomi che centellina con tristezza l’assessore alle Infrastrutture Marco Falcone.

«C'è un dibattito sereno anche se chiaro nel partito - dice Falcone - sulla ipotesi di ricandidatura a governatore di Nello Musumeci. Dopo 4 anni e 4 mesi di governo con Forza Italia, partito di maggioranza, non può che essere espresso un giudizio positivo sul governo. Il presidente della Regione viene invece attaccato ma per questioni interne a FI».

Per Falcone gli azzurri «devono avere una posizione chiara nei confronti degli alleati, non devono giocare posizioni di retroguardia in ragione di ruoli prefissati». «È necessaria - aggiunge - l’unità del centrodestra senza fughe in avanti e rivendicando la centralità del partito». Centrodestra che finora, per la corsa a sindaco di Palermo, è spaccato: sono candidati per la Lega Francesco Scoma, per Fratelli d’Italia Carolina Varchi, per i Popolari e autonomisti Totò Lentini, e per Forza Italia, dopo la riunione di ieri, Francesco Cascio. «Cascio come candidato sindaco - prosegue - va benissimo. È stato portato dal presidente Renato Schifani in dissonanza con Miccichè. Fino a ieri il coordinatore regionale diceva che il candidato era Roberto Lagalla: non si possono avere posizioni altalenanti e non va messa a repentaglio la tenuta del centrodestra. Il partito va riorganizzato e necessita di collegialità e questo lo abbiamo detto al presidente Silvio Berlusconi». E sulla mancata partecipazione alla riunione di Forza Italia con Licia Ronzulli Falcone dice: «Non si fanno inviti alle 21 sulle chat o facendo chiamare dagli assistenti parlamentari. È un metodo inopportuno».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X