Mercoledì, 19 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Musumeci: «Resto alla guida della Regione Siciliana, governerò fino all’ultimo giorno»
L'INTERVISTA

Musumeci: «Resto alla guida della Regione Siciliana, governerò fino all’ultimo giorno»

di
«In aula ho subito un'aggressione alle spalle, ma chi dissente deve metterci la faccia. In questi quattro anni abbiamo assicurato la governabilità e aperto tanti cantieri, ma tanto c'è ancora da fare. Abbiamo messo alla porta i mafiosi e gli amici dei mafiosi, gli affaristi, i lobbisti senza regole»
Nello Musumeci, Sicilia, Politica
Il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci

Dimissioni? «Solo chiacchiere da bar, solo uno screanzato potrebbe abbandonare la nave». Il presidente della Regione Nello Musumeci resta al timone della Sicilia. Lo dice in un'intervista al direttore responsabile del Giornale di Sicilia, Marco Romano.

Presidente Musumeci, le è passata la rabbia? Ma davvero aveva pensato alle dimissioni?

«Nessuna rabbia ma solo tanta amarezza. È stata un’offesa all’Istituzione, non uno sgarbo a chi la rappresenta. Lo sgarbo ci sta nelle dinamiche d'aula, ma va fatto semmai su un atto politico del governo, non sulla delega per il Quirinale. Quanto alle dimissioni, sono solo chiacchiere da caffè. Solo un matto o uno screanzato potrebbe pensare di abbandonare la nave a mare aperto, in balìa dei marosi, in piena pandemia. Io ho sottoscritto un ideale patto d'onore con i siciliani: mi hanno votato per essere governati e continuerò a farlo fino all'ultimo giorno, con entusiasmo e impegno. Abbiamo tanti cantieri da chiudere e tanti altri da aprire, tanti nuovi obiettivi da raggiungere nei prossimi mesi».

Adesso si tratta di ricucire, se mai ci sono le condizioni e sempre che lei ne abbia davvero voglia. Certo, quell'anatema contro i «sette o otto scappati di casa con cui per motivi di igiene non voglio avere rapporti» declamato via social non è che aiuti molto.

«Veda direttore, sono convinto che quando uno è "scappato di casa" è scappato anche dal proprio gruppo e dal proprio partito. Altrimenti avrebbe votato come hanno fatto, responsabilmente, ben ventinove deputati del centrodestra, che ringrazio per la serietà dimostrata. Ma se organizzi l'imboscata al presidente della Regione, l’aggressione alle spalle, con la complicità del voto segreto, non meriti alcun rispetto. Dissentire è più che legittimo da parte di un deputato, però va fatto a viso scoperto, devi metterci la faccia. Ma la storia del nostro Parlamento regionale, da sempre, è fatta anche di questi inutili giochetti, che non ti permettono di capire chi è il cospiratore e chi l'alleato leale. Detto questo, usciamo dalla ipocrisia: le istituzioni regionali, che sanno di una "sacralità laica", cioè l'assemblea ed il governo, non sono luoghi abitati da santi, né da diavoli: ci sono solo persone, con i loro pregi e difetti, pavidi e coraggiosi, morali e moralisti, trasparenti e opachi. È sempre stato così».

Lei imputa ad alcuni suoi assessori di non aver saputo garantire la coesione fra partiti e governo. Quegli stessi assessori che però i partiti in buona parte non riconoscono più. Lo scollamento appare francamente evidente.

«Anche gli assessori della mia giunta, come si sa, non hanno vinto un concorso per entrare nel governo regionale, ma sono stati proposti dalle rispettive forze politiche e da me condivisi e nominati. Organizzare il rapporto fra il lavoro degli assessori ed i loro partiti o i loro gruppi parlamentari o garantirne la coesione non è compito del presidente della Regione. Se poi ti accorgi che i numeri in aula non tornano, è chiaro che agisci di conseguenza. Per questo, ritengo opportuno azzerare la giunta ed aprire il confronto con le forze della coalizione. Il che non significa - voglio sottolinearlo - una sfiducia verso gli assessori, ai quali va anzi il mio grazie per la competenza e la passione che hanno finora profuso, ma è solo un necessario momento di verifica con i partiti sulla capacità di coesione. Le dirò di più. Per agevolare il dialogo con i partiti, tutti gli assessori si sono detti disponibili a rimettere, di loro iniziativa, il mandato nelle mie mani. Un gesto di grande e raro senso etico. Altro che crisi: siamo una squadra».

Certo che però una crisi a fari spenti in piena pandemia, con i fondi del Pnrr da veicolare, le aziende da sostenere, le famiglie da sorreggere. Magari fare buon viso a cattiva sorte...

«In democrazia si governa con i numeri. E quando i numeri non tornano, si cercano le cause e si trovano i rimedi. Altrimenti, rimangono due soluzioni: galleggiare o porre fine alla legislatura. Detto questo, per quanto mi riguarda non c'è alcuna crisi. La giunta resta in carica fino all’approvazione dell'esercizio provvisorio, atto indispensabile per non rallentare nulla. Una scelta di responsabilità, perché prima contano gli interessi dei siciliani e dopo, ma solo dopo, le legittime aspettative dei partiti».

Guardiamo avanti: martedì l'aula dovrebbe varare l'esercizio provvisorio. E poi? Non è che si è cacciato in un cul de sac? Se non ricuce, che governo potrà mettere in piedi? E come potrà arrivare a fine mandato?

«La Regione ha avuto in questi quattro anni il più stabile governo degli ultimi decenni. Mai un giorno di crisi, solo quattro assessori sostituiti, peraltro per cause estranee a conflitti politici. Non si ricorda facilmente un assessore rimasto in carica per tutta la legislatura. È anche questa la serietà di un governo di centrodestra. La verifica? Può essere una opportunità. Dovrà durare pochi giorni, non c'è tempo per bizantinismi. E arriveremo tutti più forti a fine mandato».

Con Miccichè proprio non riuscite a prendervi. Lui dice di aver evitato che il voto beffa sui Grandi elettori diventasse una vera Waterloo per lei. Ma la accusa di voler governare per i fatti suoi.

«L'ho già detto altre volte. Con Miccichè c'è una vivace dialettica. Forse un po’ più riservata, da parte mia. Ma siamo stati "condannati" a convivere ed a provare a trovare sempre le ragioni che uniscono. Sono orgoglioso del fatturato maturato dal governo che ho l'onore di guidare, ma il merito è di tutta la squadra. Certo, ogni presidente porta e applica metodi diversi, che possono non piacere a tutti. Ma da qualche anno a Palazzo Orleans non ci sono più "presidenti ombra". E questa credo debba essere una rassicurante garanzia per tutti, a cominciare dallo stesso Miccichè».

Che delega avrà Ruggero Razza dopo il rimpasto di governo? Potrebbe essere lui l'elemento di mediazione/conciliazione?

«Non mi piace il termine rimpasto. Sarà comunque l'occasione per definire un governo di fine legislatura. Sempre che ci siano la unanime volontà e le ragionevoli condizioni».

Magari lei prende atto, con un beau geste, che non ci sono più le condizioni per una sua ricandidatura vincente e fa un passo indietro per il bene della governabilità in questa disgraziata terra. E comincia magari a guardare alle politiche. Utopia, tentazione, possibilità o cosa?

«Se in questa Regione ed in questa "disgraziata terra" è stata assicurata per quattro anni la governabilità e sono state spese risorse, malgrado la drammatica pandemia, per circa quattro miliardi di euro, lo si deve al mio governo ed al centrodestra, che ha restituito "normalità" - come lei stesso ha riconosciuto nel suo editoriale di fine anno - dopo anni di "calamità istituzionale", per usare una felice battuta del sindaco di Palermo. Come vede, in materia di governabilità ed efficienza non prendiamo lezioni da nessuno. Quanto alle condizioni per una mia ricandidatura, lo vedremo con i vertici delle forze politiche della coalizione, nazionali e regionali. Noi la Sicilia la stiamo cambiando davvero, dopo anni di macerie. E per cambiarla ho dovuto dire molte volte no a chi era abituato a sentirsi rispondere sempre sì. Basta con gli ammiccamenti, con le mezze parole, con gli accordi poco trasparenti. I mafiosi e gli amici dei mafiosi, gli affaristi, i lobbisti senza regole li abbiamo messi alla porta. E da vent'anni non si vedevano in Sicilia tanti cantieri aperti come in questi ultimi quattro anni. E adesso, per aver fatto tutto questo, assieme alla mia coalizione, dovrei meritare di fare un passo indietro? Ma scherza, io sogno che la mia Isola diventi una piattaforma logistica proiettata nel Mediterraneo, voglio continuare a sostenere le nostre coraggiose imprese, voglio che i miei nipoti possano rimanere qui a investire i loro studi. Altro che passo indietro. Nei prossimi anni arriveranno in Sicilia circa trenta miliardi di euro: comprendo gli appetiti di qualcuno, ma non c'è trippa per gatti! Guardare alle politiche? Ma no. Alla mia età e con la mia storia non c'è più tempo per disegnare carriere romane. Io resto qui a servire la mia Isola, spesso devastata e stuprata in questi settant’anni da una governabilità di facciata, che ha fatto scivolare la nostra Regione in coda a tutte le classifiche. Ho un impegno con i siciliani per cambiare assieme questa terra, amara e bella. E gli impegni li mantengo».

Per certi versi la sua parabola assomiglia molto a quella di Orlando al Comune, abbandonato dalla sua maggioranza, che briga, intriga e si riassetta più liquida che mai in vista delle elezioni. Solo che almeno lui non può ricandidarsi...

«Non conosco la parabola di Orlando ed il mio rapporto con la coalizione è assolutamente sereno. Ho già convocato una giunta per la prossima settimana per deliberare nuove iniziative. È normale, fisiologico che in vista di una scadenza elettorale ci sia un dibattito più animato tra i partiti. Ma il governo non si ferma un attimo e in tutti prevarrà il senso di responsabilità».

Ha già pronti manifesti e slogan? Quanto spazio sta lasciando per i simboli di partito?

«Le confesso. Un grande manifesto avrei voluto stamparlo, alcuni giorni fa, con scritto a lettere cubitali: “Siciliani, per il quarto anno consecutivo, la Regione ha certificato la spesa voluta dall'Unione europea. Alla faccia dei tanti uccellacci di malaugurio!”. Ma lei pensa che in piena pandemia, con i tanti progetti da definire, con importanti riforme da varare, con tanto denaro da spendere, potrei avere tempo per pensare alla campagna elettorale? Questo è compito dei partiti, non di chi governa la più grande regione d'Italia, in un momento così difficile».

Non teme che la legge dei numeri possa finire per schiacciarla? I voti, come sa, si contano, non si pesano...

«Chi conosce la storia della politica regionale sa che la logica dei numeri in parlamento non ha una legge. Spesso, è una logica spregiudicata che obbedisce alle pulsioni e agli intrighi di Palazzo, come ben ricorda Giovanni Ciancimino nel suo recente libro sui presidenti di Sicilia. La sopravvivenza di molti governi è dipesa dal voto segreto. Le maschere al posto dei volti».

Lei non passerà certo alla storia come un presidente moderato o accomodante. Ideologie a parte. Gesualdo Bufalino diceva: Il sonno è di destra, il sogno di sinistra, votate per una lucida insonnia. Insomma, con questi chiari di luna a noi siciliani toccherà restare parecchio svegli nei prossimi mesi...

ù«Non credo di meritare di passare alla storia. E, se mi consente, non temo neppure di passare a certa cronaca. Appartengo alla cultura politica della responsabilità e sono nemico di ogni ipocrisia. Per me il nero è nero e il bianco è bianco. Se essere moderato significa fingere di non vedere il marcio e lavorare per il compromesso verso il basso e per la eterna mediazione, non sarò mai moderato. Coltivo il dono del dubbio, ma chi governa deve sapere anche scegliere, puntando sul giusto e non sull'utile. Che i siciliani debbano restare parecchio svegli diventa una necessità. Sarebbe un bene per tutti: chi governa ha bisogno di sentirsi controllato da chi fa il difficile mestiere di cittadino. Se i siciliani avessero dormito e sognato un po’ meno nel passato, oggi staremmo tutti meglio».

 

 

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X