Lunedì, 26 Settembre 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica La mossa di Draghi contro il caro bollette: aiuti alle fasce deboli e rate per le imprese
MANOVRA

La mossa di Draghi contro il caro bollette: aiuti alle fasce deboli e rate per le imprese

di
Sicilia, Politica
Mario Draghi

Aiuti mirati per le fasce più deboli e sostegni alle aziende, che potranno rateizzare il conto delle bollette con scadenze molto lunghe. Dopo la mossa tutta finanziaria per contrastare gli aumenti dei prezzi dell’energia, che porterà a 3,8 miliardi la dote complessiva stanziata dal Governo, sono in arrivo nuovi interventi, come anticipato dal ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti. Al lavoro sui dettagli c’è il Ministero della Transizione ecologica, che studia contributi per le fasce più deboli della popolazione, ed esamina la proposta del viceministro dello Sviluppo economico, Gilberto Pichetto (FI), di un fondo statale di garanzia che consenta alle aziende di rateizzare le bollette per un periodo molto lungo.

Sospiro di sollievo per i navigator: salvi 2.500 posti

Per salvare i navigator invece, dimenticati dalla manovra che non ne rinnovava il contratto facendo perdere il posto a 2.500 persone, è arrivato un emendamento dei relatori al dl Recovery. Le Regioni potranno quindi subentrare all’Anpal Servizi nei contratti con queste figure che accompagnano al lavoro i beneficiari del reddito di cittadinanza. I navigator, che sono in scadenza a fine anno dopo varie proroghe, potranno dunque continuare a lavorare fino al «completamento delle procedure di selezione e di assunzione del personale da destinare ai centri dell’impiego» ma comunque non oltre sei mesi.

Superbonus e rottamazione delle cartelle

Su tutti gli altri temi della manovra, dal Superbonus alla nuova rottamazione delle cartelle, la partita resta invece tutta aperta. Difficile giocarla con le poche risorse a disposizione del Parlamento, che ammontano a 600 milioni di euro. Per questo le forze di maggioranza vanno in pressing sul Governo, che apre alla possibilità di portare la ‘dotè a oltre 1 miliardo proprio grazie agli effetti dell’operazione contabile di anticipo delle spese al 2021. I fondi sono necessari, visto che le richieste dei partiti non diminuiscono. E solo il capitolo scuola assorbirebbe oltre 200 milioni. Forza Italia poi torna a chiedere il «rinvio selettivo delle cartelle esattoriali», a favore delle categorie maggiormente in difficoltà, considerato un tema «dirimente», il Movimento 5 Stelle insiste su ‘easy tax’ e cashback fiscale, la Lega sulla proroga dell’esenzione del canone per i tavolini dei ristoranti all’aperto. Su quest’ultimo punto ci sarebbe anche un’apertura da parte del governo ad intervenire per coprire - in tutto o in parte è ancora da stabilire - la proroga di sei mesi di Tosap e Cosap, cioè tassa e canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche.

Bonus 110%, superato il vincolo del tetto Isee per le villette

Al Senato proseguiranno anche nel fine settimana gli incontri del tavolo maggioranza-governo per arrivare ad un orientamento comune sui cinque dossier individuati, cioè sisma, scuola, Superbonus 110%, bollette e reddito di cittadinanza. Sembra ormai acclarata la convergenza fra i partiti sul bonus 110%, con il superamento del vincolo del tetto Isee per le villette. Sugli altri temi le riunioni per ora non sono state risolutive, così come «interlocutorio» è stato anche l’incontro con l’opposizione, fa sapere il senatore di Fratelli d’Italia, Nicola Calandrini, capogruppo nella commissione Bilancio, che al tavolo ha chiesto «riscontri dal ministero dell’Economia» su una super deduzione sul costo del lavoro per chi ha un’alta quantità di dipendenti rispetto al proprio fatturato.

Tempi per l'esame molto stretti

I tempi per l’esame sono ormai strettissimi però e anche qualora entro Natale si arrivasse al solo via libera del Senato in prima lettura - come appare ormai più che probabile - le votazioni in commissione si potranno consumare in una manciata di giorni. Per questo i gruppi parlamentari sono al lavoro alla ricerca di una sintesi anche operativa con l’obiettivo di portare un’unica proposta di modifica su ciascun tema e velocizzare l’iter parlamentare.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X