Sabato, 22 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Il siracusano Di Natale eletto segretario generale della Uiltec Sicilia
SINDACATO

Il siracusano Di Natale eletto segretario generale della Uiltec Sicilia

Il siracusano Peppe Di Natale, 39 anni, è il nuovo segretario generale della Uiltec Sicilia. È stato eletto stamattina a Catania dai delegati dell’organizzazione Uil di categoria che rappresenta lavoratrici e lavoratori dei settori tessili, energetici e chimici. Con Di Natale collaboreranno in Segreteria Simona Sanfilippo, Maurizio Terrani e Salvatore La Spisa. Tesoriere Arianna Amalfi. Nel corso della riunione sindacale sono intervenuti il segretario generale UilP Carmelo Barbagallo, già segretario della Uil, il segretario generale e la segretaria organizzativa della Uil Sicilia Claudio Barone e Luisella Lionti, il segretario nazionale Uiltec Andrea Bottaro, che sino ad oggi ha coordinato la categoria nell’Isola.

Le sfide: dalla transizione energetica al futuro dei siti petrolchimici

Nel suo intervento congressuale, Di Natale ha ricordato le battaglie civili della Uil di Carmelo Barbagallo e Pierpaolo Bombadieri. Quindi, ha sottolineato il ruolo della Uiltec in una regione, la Sicilia, e in un Paese “impegnati a non perdere il treno della transizione energetica”. Il neosegretario regionale ha citato “le sfide importanti che ci attendono a difesa dell’apparato industriale siciliano, a partire dai tre grandi siti petrolchimici di Priolo, Gela e Milazzo”. “Chiediamo - ha aggiunto - l’apertura degli stati generali dell’energia in Sicilia, per rilanciare le produzioni attraverso gli investimenti e scongiurare il pericolo che la nostra terra perda si trasformi in una grande centrale di stoccaggio dell’energia con pesanti penalizzazioni sull’economia e sull’occupazione”.

L'area industriale di Catania deve rilanciare sulla farmaceutica

Peppe Di Natale ha detto ancora: “Occorre difendere e rilanciare l’area industriale catanese puntellando la farmaceutica, in testa la Pfizer, e lavorando affinché Enel realizzi il grande investimento che ha in programma. È inoltre necessario salvaguardare il sistema idrico siciliano, attualmente soffocato dai meandri della contorta legislazione siciliana, e rilanciare il settore manifatturiero che riguarda le filiere industriali presenti a Ragusa, Agrigento, Trapani, Enna, e soprattutto Palermo”. “Oggi - ha concluso - si apre una nuova pagina del grande libro della Uiltec Sicilia, una pagina bianca che scriveremo insieme perché l’uomo solo al comando non è mai in grado di scrivere alcuna storia di successo!”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X