Mercoledì, 08 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Regione Siciliana, il presidente Musumeci minaccia un rimpasto
FIBRILLAZIONI NELLA MAGGIORANZA

Regione Siciliana, il presidente Musumeci minaccia un rimpasto

di
Appello di Miccichè: «Aiutateci a garantire il numero legale, venite in Parlamento e poi votate come vi pare»
regione siciliana, Gianfranco Miccichè, Nello Musumeci, Sicilia, Politica
Nello Musumeci, presidente della Regione Siciliana

Ieri - martedì 28 settembre - è  finita con un disperato appello del presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Gianfranco Micciché, all’opposizione: «Aiutateci a garantire il numero legale, venite in Parlamento e poi votate come vi pare». Fotografia di un’altra giornata di impasse provocata dalle fibrillazioni nella maggioranza. Di fronte alle quali il  presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, riunito fino a notte con i deputati di Diventerà Bellissima, è tornato a minacciare reazioni estreme, che potrebbero portare anche a modifiche dell’assetto in giunta. In mattinata la commissione Affari istituzionali ha rinviato per l’ennesima volta la votazione sulle nomine nei collegi sindacali di Asp, ospedali e Irca. Sono nomine che, secondo gli alleati, sono state fatte da Musumeci senza consultare la coalizione. E la coalizione non le sta difendendo. Ieri in commissione c’erano solo i deputati di Pd, 5 Stelle e il presidente Stefano Pellegrino (Forza Italia). Mentre erano assenti gli altri forzisti, l’Mpa, la Lega e perfino i deputati di Diventerà Bellissima.

La scena si è poi ripetuta in aula nel pomeriggio, dove era fissata la votazione del Rendiconto del 2019: un atto normalmente di routine ma indispensabile per portare al voto poi l’assestamento di bilancio 2021 e la manovra 2022. Al momento di aprire la votazione Micciché ha constatato che c’erano solo 28 deputati su 70. È partito un frenetico giro di telefonate per richiamare gli assenti ma non si è andati oltre i 31 presenti: troppo pochi. E Micciché non l’ha mandata giù: «Capisco che deve essere la maggioranza a garantire il numero legale, ma chiedo all’opposizione di aiutarci». Le votazioni riprenderanno oggi e Micciché ha usato un escamotage per «spingere» i deputati in aula: ha unito il voto sul Rendiconto a quello previsto per le variazioni di bilancio e per i forestali (temi cari a ogni partito). Si vedrà se il piano funzionerà e se i tentativi di Musumeci di serrare le file della maggioranza saranno andati a buon fine: ieri sera il presidente ha riunito il gruppo di Diventerà Bellissima e sul tavolo è tornata l’ipotesi di modificare la giunta, sostituendo gli assessori espressione di partiti a lui ostili (Lega in primis, ma anche centristi) con dei fedelissimi, che rispecchiano la forza dei gruppi all’Ars. Il presidente, presente a Sala d’Ercole, ieri era furibondo, perché ha visto che al momento di contare le presenze per il voto sul rendiconto alcuni deputati leghisti e forzista sono usciti dall’aula.

Non a caso proprio ieri i leghisti hanno alzato il livello di critiche a Musumeci. Per Luca Sammartino «il presidente deve dedicarsi di più ai problemi irrisolti, incominciando dall’emergenza rifiuti che grida vergogna in tutti i Comuni siciliani». Sammartino ha poi ricordato che candidando il segretario Nino Minardo alla Regione per il 2022 «Salvini ha preso le distanze da Musumeci». Per i grillini «Musumeci non controlla più la maggioranza. Faccia un passo indietro e chiuda questa tormentata legislatura». Posizione condivisa dal Pd: «Sono spaccati su tutto, si arrovellano sulle nomine e litigano sulle candidature. Musumeci non può pensare di andare avanti così. Si dimetta» dice il segretario Anthony Barbagallo.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X