Mercoledì, 12 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Bonaccini contro le "isole covid free": "No a località turistiche privilegiate"
POLEMICHE

Bonaccini contro le "isole covid free": "No a località turistiche privilegiate"

coronavirus, turismo, Sicilia, Politica
Una spiaggia di Salina, nell'arcipelago delle Eolie

Isole Covid free? No, grazie. Arriva dal presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, la protesta contro le isole minori "libere" dal Coronavirus. Da più parti si vorrebbe tentare una vaccinazione di massa per poter incentivare il turismo in estate. Tra le isole che chiedono una campagna vaccinale massiccia ci sono anche le piccole isole siciliane, sostenute nella proposta dalla politica regionale. Le Eolie, ad esempio, puntano a diventare covid free prima dell'estate. Il sindaco di Lipari Marco Giorgianni, nei giorni scorsi, ha riferito che sono già 2500 i vaccinati, 1800 per la prima dose e 700 per il richiamo ma oggi Bonaccini, tramite un post su Facebook ha espresso la propria contrarietà.

"Mi auguro che il ministro del turismo Garavaglia rigetti immediatamente la proposta di 'isole covid free'", ha scritto. E poi, la motivazione: "Non possono esserci località turistiche privilegiate a discapito di altre. Piuttosto il governo si dia da fare perchè arrivino più dosi possibili per vaccinare nel più breve tempo possibile e lavori per il passaporto vaccinale, con regole uguali per tutti a livello europeo".

La scorsa settimana, inoltre, Sardegna e Sicilia si erano appellate al governo e i presidenti Christian Solinas e Nello Musumeci avevano chiesto al Governo Draghi "di avere il coraggio di andare oltre la proposta di vaccinazione delle sole Isole Minori del Paese, puntando anche sulle due più grandi Isole del Mediterraneo a spiccata vocazione turistica, che possono garantire numeri importanti per la ripresa dell’economia nazionale". Con una nota congiunta, Solinas e Musumeci richiamavano "la condizione di insularità, che limita i punti d’accesso a porti e aeroporti, rende più semplice il controllo sanitario. Se procediamo rapidamente alla vaccinazione dell’intera popolazione, potremo ospitare in piena sicurezza i turisti aprendo veri e propri corridoi preferenziali verso paesi e regioni che hanno già completato l’immunizzazione – spiegano i due Governatori – o utilizzando il modello dei voli e delle navi "Covid-tested", che garantisce un’enorme attrattività internazionale".

Sicilia e Sardegna sperano anche se l'andamento epidemiologico e il numero delle vaccinazioni degli over 80 non è tra i più positivi d'Italia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X