Domenica, 11 Aprile 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Dpcm, nuovi criteri e tempi per assegnare i colori alle regioni: gruppo tecnico al lavoro
IL VERTICE

Dpcm, nuovi criteri e tempi per assegnare i colori alle regioni: gruppo tecnico al lavoro

coronavirus, Maria Stella Gelmini, Roberto Speranza, Stefano Bonaccini, Sicilia, Politica
Il ministro della Salute, Roberto Speranza

Nuovo confronto fra governo e Regioni in vista del nuovo Dpcm che partirà il 6 marzo e avrà come data di scadenza il 6 aprile.

E si profila una revisione dei criteri che determinano le fasce di rischio, come annuncia il presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, al termine della riunione.

"C'è la disponibilità a far lavorare il gruppo tecnico per la revisione dei criteri e dei parametri che sono alla base della definizione della colorazione delle diverse fasce di rischio. Ma abbiamo chiesto che questo avvenga sin dalle prossime ore e che questi lavori arrivino a conclusione nei prossimi giorni".

Altra novità in arrivo riguarda i tempi di annuncio delle restrizioni. "Il Governo - ha spiegato Bonaccini - si è poi impegnato a garantire la comunicazione delle misure all'inizio della settimana e non più, come accaduto finora, nel weekend: è quanto avevamo richiesto per consentire a cittadini e imprese di conoscere per tempo le misure e organizzarsi. Dunque un fatto positivo".

Garanzie anche sul fronte ristori. "Abbiamo poi apprezzato - ha commentato il presidente della Conferenza delle Regioni - l'impegno ad una concomitanza più stringente fra provvedimenti restrittivi e l'azione per indennizzi e ristori". E spunta anche una novità: l'intenzione manifestata dai ministri Gelmini e Speranza ad estendere i ristori anche nei casi in cui le restrizioni siano introdotte con ordinanze regionali assunte d'intesa col ministero della Salute. "Su questo punto - ha aggiunto Bonaccini - attendiamo però un riscontro positivo anche dal Ministero dell'Economia".

Non solo Dpcm e ristori nella lista delle richieste delle Regioni che chiedono anche un cambio di passo sul fronte vaccini e sulle riaperture. "Occorre un'accelerazione ulteriore", ha detto Bonaccini. Le Regioni pressano per un recupero dei ritardi dovuti ai tagli nella distribuzione delle dosi e di identificare settori ed attività che possano riaprire in sicurezza.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X