Lunedì, 21 Settembre 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Scuola, la Azzolina alla Camera: "Non toglieremo il tempo pieno ai bambini"
L'INFORMATIVA

Scuola, la Azzolina alla Camera: "Non toglieremo il tempo pieno ai bambini"

coronavirus, scuola, Lucia Azzolina, Sicilia, Politica
Lucia Azzolina alla Camera

Salvo il tempo pieno nelle scuole. Lo assicura il ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina in una informativa alla Camera. "La refezione scolastica, la ricreazione e tutti i momenti di pausa dall'attività didattica, sono momenti assolutamente importanti per lo sviluppo del ruolo sociale, di valorizzazione e di crescita di ogni alunno - ha detto -. Alle scuole è stata per questo raccomandata la massima cura nel cercare e trovare apposite soluzioni, tutte quelle percorribili, pur di non sacrificare lo svolgimento di momenti di aggregazione così importanti nella crescita individuale".

Il ministro ha precisato: "Ho letto approssimazioni e dati senza una fonte certa che parlano di centinaia di migliaia di studenti che non avranno la mensa. Non è così. Saranno necessari adattamenti, ci saranno nuove regole, ma nessuno vuol togliere il tempo pieno ai bambini. Dove ci sono delle criticità i nostri Uffici Scolastici Regionali stanno intervenendo a supporto delle scuole. In raccordo con i Comuni che gestiscono il servizio mensa".

Sulla fornitura dei nuovi banchi monoposto, il ministero dell'Istruzione "ha agito con trasparenza e rigore - ha detto la Azzolina -. Abbiamo chiesto a tutti i dirigenti scolastici di fornirci con precisione dati certi rispetto al fabbisogno di arredi di ciascuna scuola. Non abbiamo imposto una sola tipologia di banco, come ho continuato a leggere da più parti, ma semplicemente lo Stato, per la prima volta, si è preso la responsabilità di sostenere le scuole aiutandole a rinnovare gli arredi".

Il ministro ha fornito i dati: "Gli istituti ci hanno chiesto 2,4 milioni di banchi. Oltre 750mila sono per la scuola primaria, dunque, necessariamente, banchi di tipo tradizionale, più adatti per i piccoli. Mentre 1,7 milioni sono stati i banchi richiesti per le secondarie di cui oltre uno su quattro di tipo innovativo. E noi glieli stiamo dando".

"La consegna è già cominciata il 28 di agosto e proseguirà nelle prossime settimane. Come comunicato dal Commissario straordinario per l'emergenza con la nota del 3 settembre 2020, la distribuzione dei banchi è stata avviata partendo da alcuni luoghi particolarmente colpiti nel corso della prima fase della pandemia, come Codogno, Alzano, Nembro, le città di Bergamo, Brescia, Piacenza e Treviso, e sta continuando sull'intero territorio nazionale in 17.863 plessi scolastici, per soddisfare l'intero fabbisogno richiesto entro la fine del mese di ottobre. Ogni scuola avrà gli arredi che ha richiesto".

Poi ha lanciato un appello: "Il Coronavirus ci impone dei doveri. Non esiste il rischio zero. Lo sappiamo. Quindi sarà necessaria la responsabilità di ciascuno, dentro e fuori il perimetro delle nostre scuole. Quelle regole civili, di protezione e di buon senso che le autorità sanitarie hanno indicato come strumenti per contenere la diffusione del virus devono essere rispettate da ognuno di noi. Non farlo significa mettere a rischio la scuola. Non possiamo pretendere che tali regole debbano essere seguite solo all'interno degli ambienti scolastici. Siamo tutti coinvolti. E' un invito serio alla responsabilità che rivolgo espressamente anche a tutta la comunità scolastica e alle famiglie".

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X