Martedì, 02 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Scarcerazioni dei boss, Bonafede: "Il governo non può incidere sulle decisioni dei giudici"
AL SENATO

Scarcerazioni dei boss, Bonafede: "Il governo non può incidere sulle decisioni dei giudici"

Le scarcerazioni dei detenuti per l'emergenza sanitaria sono «frutto di decisioni di magistrati che hanno applicato leggi previgenti che nessuno aveva mai modificato fino al decreto legge del governo approvato la scorsa settimana, con il quale si stabilisce che, rispetto alle istanze di scarcerazione, è obbligatorio il parere della Direzione nazionale antimafia e delle Direzioni distrettuali antimafia». Lo ha sottolineato il ministro della giustizia Alfonso Bonafede al question time al Senato.

«I principi e le norme della nostra Costituzione sono univocamente orientate ad affermare l’autonomia e l’indipendenza della magistratura: ciò vuol dire che non c'è alcun governo che possa imporre o anche soltanto influenzare le decisioni dei giudici».

Il Guardasigilli ha ribadito che è «infondato il collegamento» tra le scarcerazioni - che hanno riguardato circa 360 detenuti - e la mancata nomina nel 2018 dell’allora pm antimafia Nino Di Matteo, attuale consigliere del Csm, a capo del Dap. Con Di Matteo, ha detto il ministro, «non ci furono i presupposti per realizzare la auspicata collaborazione».

E’ «in cantiere» il progetto di un decreto legge «che permetterà al magistrato di sorveglianza la rivalutazione delle misure già concesse al mutare del quadro sanitario di riferimento nella fase 2 dell’emergenza Coronavirus», ha ribadito durante Bonafede, che ieri aveva anticipato il provvedimento al question time svoltosi alla Camera, aggiungendo che si tratta di una «ulteriore conferma della costante attenzione del governo e del Ministero della giustizia al contrasto del fenomeno mafioso in ogni sua forma». Bonafede ha anche ringraziato tutti gli operatori che lavorano nelle carceri, a partire dalle polizia penitenziaria.

Sono state rafforzate le misure per valutare le richieste di scarcerazione per motivi legati all’emergenza Covid da parte di detenuti per reati gravi o di mafia. In particolare, dopo l'insediamento del vice capo del Dap Roberto Tartaglia - ha spiegato il ministro - «è stata emanata la circolare del 2 maggio 2020 che invita i direttori degli istituti penitenziari a comunicare immediatamente al dipartimento le istanze presentate dai detenuti sottoposti al regime» del 'carcere durò. Lo scorso 24 aprile, inoltre, un’altra circolare «prevede l’obbligo per i detenuti delle carceri di trasmettere alla Direzione nazionale antimafia e alle Direzioni distrettuali competenti le segnalazioni o istanze contenenti ristretti sottoposti al regime di cui al 41bis o assegnati al circuito 'alta sicurezza'». Dal carcere sono usciti circa 360 detenuti condannati per reati legati alla mafia.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X