Giovedì, 18 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Finanziaria, aiuti alle imprese siciliane che assumono a tempo indeterminato: tutte le misure approvate all'Ars
OGGI IL VOTO FINALE

Finanziaria, aiuti alle imprese siciliane che assumono a tempo indeterminato: tutte le misure approvate all'Ars

coronavirus, finanziaria, Sicilia, Politica
Palazzo dei Normanni

Agevolazioni per le imprese che assumono dipendenti a tempo indeterminato. La norma, approvata ieri sera all'Ars, è contenuta nella legge di stabilità che dovrebbe essere approvata oggi. La misura sulle assunzioni, promossa da Forza Italia, prevede che sarà la Regione a versare i contributi previdenziali e assistenziali fino al 31 dicembre 2020. Le aziende non potranno riassumere lavoratori che hanno precedentemente licenziato. Saranno disponibili 10 milioni di euro.

"Si tratta di uno stimolo all'occupazione che mi auguro che le imprese siciliane non si lasceranno sfuggire", commenta soddisfatto il commissario regionale di Forza Italia, Gianfranco Miccichè.

Dopo l'approvazione del tanto discusso articolo 8, quello considerato più importante in cui sono contenute una serie di misure fondamentali per far ripartire l'economia siciliana dopo la crisi causata dall'emergenza coronavirus, l'assemblea regionale siciliana ha sospeso in tarda serata l'esame della finanziaria regionale.

Il Presidente dell'Ars Gianfranco Miccichè ha aggiornato la seduta a oggi con l'esame a partire dall'articolo 14. Il voto finale è previsto per il pomeriggio.

Tra le norme principali approvate ieri c'è l'articolo 9 che prevede l'istituzione del "fondo perequativo degli enti locali": i Comuni, avranno a disposizione una dotazione di 300 milioni che vengono da fondi extraregionali per compensare le minori entrate legate al taglio delle imposte: viene infatti disposta l'esenzione o la riduzione dei tributi locali soprattutto per alberghi, strutture ricettive e per le concessioni di suolo pubblico per bar e ristoranti. Esenzione o riduzione delle imposte anche per cinema, teatri, strutture e impianti sportivi.

Una boccata d'ossigeno anche per le attività della ristorazione a cui viene consentito il cinquanta per cento in più di spazio per tavolini all'aperto e l'esenzione dal pagamento della Tassa per l'occupazione del suolo pubblico nel 2020.

ECCO LE ALTRE MISURE APPROVATE

TURISMO. Allargati a imprese e cooperative turistiche i voucher per l'acquisto dei pacchetti turistici previsti nella finanziaria regionale, voucher che potranno essere utilizzati anche per i ticket di musei e poli monumentali. Inoltre, sarà realizzato l'albo regionale dei tour operator. È il contenuto di un emendamento a firma di Claudio Fava approvato nella notte. Un secondo emendamento a firma del presidente dell'antimafia era già stato approvato per il sostegno al mondo dell'informazione e dei media. Questi emendamenti si sommano a quanto già proposto in sede di commissione, e recepito nel testo, relativamente all'acquisto delle pubblicazioni degli editori librari siciliani e alle misure a sostegno della scuola e dell'università.

Questa mattina l'Ars ha approvato la norma per gli interventi per il turismo e lo spettacolo in favore di teatri, enti, associazioni e cooperative del settore. Rispetto al testo iniziale sono passati, col favore del governo, tre emendamenti di M5s e Pd, mentre l'emendamento 5stelle sulla soppressione dei fondi all'Ente luglio musicale (il governo era contrario) è stato respinto con voto palese dall'aula.
Accogliendo le proteste del capogruppo M5s Giorgio Pasqua, il presidente Gianfranco Miccichè inoltre ha dichiarato inammissibile - perché non inerente alla manovra - un emendamento (100mila euro per il museo baglio Tumbarello di Marsala) e definendolo "marchetta", presentato della capogruppo Udc Eleonora Lo Curto. L'emendamento, ha spiegato Miccichè, sarà inserito nel ddl sulla ricostruzione che l'Ars tratterà nei prossimi giorni. "Non ho un voto in quel museo, mi disgusta di avere sentito che si trattava di un emendamento-marchetta - ha protestato Lo Curto - Mi sento indignata e oltraggiata". "Io non le consento di indignarsi per quello che dico io - ha replicato Micciché - Non ho detto alcunché che possa indignare adulti e bambini. Ci sono 150 musei che devono essere ultimati, da lunedì ci sarà una nuova finanziaria dove inserire queste cose. Io non sono contro il museo ne contro i bambini. Questa finanziaria è stata fatta per il Covid-19: io non do più la parola a nessuno e si chiude questa finanziaria di cui mi sono rotto le ...".
Approvati subito dopo gli articoli 20 e 24 su abrogazione e modifiche di norme e sul risultato di amministrazione per il 2018. Rimane da votare solo l'articolo 23 sul rifinanziamento autorizzazioni di spesa da votare. Miccichè ha quindi sospeso la seduta, aggiornandola alle 15.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X