Lunedì, 18 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
IL SONDAGGIO

Demopolis: cresce la fiducia dei siciliani nella Regione e in Musumeci, bocciati i servizi

Torna a salire la fiducia dei siciliani nei confronti della Regione, ed in particolare del presidente Nello Musumeci, dopo anni in cui era crollata ai minimi storici. Un'analisi condotta dall'Istituto Demopolis sulla percezione dell'azione del Governo regionale e sulle priorità dei siciliani per il 2019 fotografa il contesto sociale in cui si trova ad operare la Giunta Musumeci.

Dal sondaggio emerge una radicata insoddisfazione per la qualità dei servizi pubblici sul territorio, bocciati dal 73% degli intervistati. E pesa la crisi che dal 2011 ha investito il Paese e il Mezzogiorno: il 45% riscontra un peggioramento, negli ultimi 5 anni, della propria situazione economica familiare.
Dopo il crollo al 12%  della fiducia nella Regione nel 2017, c'è ora una risalita al 18%, con una crescita di 6 punti negli ultimi 12 mesi. Differisce la valutazione dei cittadini sull'operato dell'amministrazione regionale: dopo circa 15 mesi dall'insediamento, le opinioni positive sull'azione complessiva del Governo si attestano al 38%, con quasi un quinto degli intervistati che, per il momento, sospende il giudizio, dichiarando di ritenersi poco informato sull'attività dell'esecutivo regionale.

Più alta, al 43%, è la fiducia nei confronti del presidente Musumeci. Quella dichiarata in Nello Musumeci da parte dei siciliani è una fiducia "personale", radicata ed in lieve aumento rispetto al giorno dell'elezione a Palazzo d'Orleans. Particolarmente apprezzate sono state alcune recenti prese di posizione del presidente della Regione sullo stato delle infrastrutture e della viabilità nell'Isola contro Anas e Rete ferroviaria italiana o la denuncia sul dissesto idrogeologico.
Un altro dato significativo riguarda la notorietà tra i siciliani dei componenti del Governo regionale, che - con alcune eccezioni - risulta nel complesso piuttosto bassa. Accanto al presidente, risultano conosciuti dalla maggioranza assoluta dei siciliani tre membri della Giunta: Gaetano Armao, Ruggero Razza e Roberto Lagalla. Gli altri assessori risultano più conosciuti nella propria area geografica di appartenenza.
"Sull'attività di Governo - spiega il direttore di Demopolis Pietro Vento - incidono pesanti eredità, nella percezione dei siciliani: le responsabilità di Crocetta e delle precedenti amministrazioni regionali; la consapevolezza di un divario di sviluppo rispetto ad altre aree del Paese, sul quale poco hanno inciso le politiche nazionali e comunitarie. L'85% valuta negativamente le politiche di sviluppo del Sud attuate negli ultimi 10 anni dai Governi nazionali: nelle convinzioni dei cittadini, il divario vero con il centro nord non è nel Pil, ma nella dotazione infrastrutturale della Sicilia e nella qualità dei servizi pubblici".
L'indagine demoscopica è stata condotta dall'Istituto Demopolis dal 18 al 24 febbraio 2019, per la presidenza della Regione Siciliana, su un campione stratificato di 2.008 intervistati, statisticamente rappresentativo dell'universo della popolazione maggiorenne residente in Sicilia.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X