Lunedì, 18 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
REGIONE

Niente riforma degli appalti: parte la rivolta delle imprese siciliane

La mancata approvazione della riforma degli appalti fa esplodere la protesta delle imprese. C’è un documento che porta in calce la firma dei presidenti di 8 associazioni, Ance Sicilia, Cna Costruzioni, Anaepa, Confartigianato, Claai, Creda, Confcooperative, Legacoop e Casartigiani. La Finanziaria appena approvata ha lasciato l’amaro in bocca e ora vanno in pressing su governo e Ars. L'obiettivo, come spiega Giacinto Pipitone sul Giornale di Sicilia in edicola, è fermare i ribassi anomali, a volte anche del 50%, che stanno avvelenando il settore.

“Siamo pronti per una grande immediata mobilitazione attraverso la convocazione dei nostri stati generali . commentano in una nota -, se, a breve, non si sostituiranno con i fatti le promesse. Improrogabili le emanazioni di norme concrete, efficaci ed incisive volte a salvaguardare e tutelare le numerosissime piccole e medie imprese siciliane dell’edilizia, unica garanzia e spina dorsale del Settore per lo sviluppo economico ed occupazionale nell’Isola”.

La manovra bis dovrebbe vedere la luce a marzo ripescando ciò che è stato escluso dalla legge appena varata.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X