Giovedì, 21 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
LIBERI E UGUALI

Grasso: "Aboliremo le tasse universitarie". È sfida aperta col Pd

elezioni politiche 2018, liberi e uguali, Laura Boldrini, Pietro Grasso, Sicilia, Politica
Laura Boldrini e Pietro Grasso

ROMA. Via le tasse universitarie: Pietro Grasso, leader di Liberi e Uguali, apre la sfida al Partito democratico. «Siamo l'unica alternativa credibile» esordisce.

«Se ne sono sentite favole irrealizzabili: Renzi ha detto di voler abolire il canone Rai dopo averlo messo in bolletta...». Nell’unica citazione che riserva al suo ex segretario, Pietro Grasso sorride sornione, tra i risolini e gli applausi della platea. Parte da lì, mettere alla berlina le proposte di tutti gli avversari: «Lotteremo per i molti, non per i pochi», scandisce citando il laburista inglese Jeremy Corbyn, dal quale mutua anche la proposta di cancellare le tasse universitarie per tutti. Due mesi per avvicinarsi il più possibile al 10%. Ed entrare nella partita che si aprirà dopo per il governo. Alleati di Renzi o del M5s? «Parliamo con tutti, tranne la destra», delinea i confini Pier Luigi Bersani.

Ci sono tutti i «big» di LeU in platea, da Pier Luigi Bersani a Vasco Errani, tranne Massimo D’Alema che è in Iran. E sul palco, su fondo rosso, la citazione di Corbyn (col suo Labour ha sorpreso alle ultime elezioni inglesi), a indicare che la sfida è nel campo della sinistra di governo e punta a sottrarre voti al Pd. I renziani ostentano tranquillità di fronte all’incalzare degli avversari: il voto utile sarà l’arma da sfoderare nei collegi, per il resto - spiegano i Dem - il Pd farà la sua campagna, contro destra e M5s.

Discorso diverso nelle due regioni al voto: si sta cercando l’intesa nel Lazio per Nicola Zingaretti (nome non renziano che LeU potrebbe sostenere) e in Lombardia, dove Giorgio Gori non ha il sostegno della sinistra ma c'è chi spera che il ritiro di Maroni possa riaprire i giochi.

A livello nazionale invece no. Avversari voto su voto. Lo dice chiaro e netto Laura Boldrini, che fa il suo debutto tra le fila di LeU: «Vogliamo riempire il vuoto e dare speranza alle persone deluse e tradite da una sinistra che ha smesso di essere sinistra», infiamma la platea la presidente della Camera, che rilancia temi a lei cari come le donne e le fake news del web ("Gli spacciatori di notizie false hanno un’agenda politica"). E colpisce dove al Pd fa più male, lo ius soli: non approvare la legge sulla cittadinanza agli stranieri, scandisce, è stato «un grande tradimento» e denota una «sconcertante subalternità culturale e politica» alla destra per «non perdere voti». Ma così «si fa vincere la destra», è l’accusa di Boldrini al Pd.

Nell’assemblea LeU definisce i criteri delle candidature (una stretta per gli imputati per certi reati e nomi «rispettabili") e indica le sue linee programmatiche, dalla progressività fiscale, con il taglio dell’Irpef ai redditi sotto i 35mila euro, fino alla cancellazione delle tasse universitarie. Grasso indica il costo ("1,6 miliardi") e le coperture, per distinguersi dalle promesse da «favola» degli altri partiti. Non nega che la campagna elettorale sarà dura. Denuncia «poco spazio nei tg». Ma promette: «Saremo in tutte le piazze». E indossando i lustrini di «eredi dell’antifascismo» e i gradi operaisti di "caposquadra», suona la carica: «Lotteremo per i molti».

Dal Pd replica a muso duro un renziano come Michele Anzaldi: "E' una favola il fatto che Grasso non rispetti il tetto agli stipendi imposto a tutte le cariche istituzionali". Ma LeU fa spallucce: «Il Pd è debole». Enrico Rossi, dal palco: «A un elettore del Pd chiedo, siete disposti a riallearvi con Berlusconi, magari votando un governo Gentiloni bis? Noi siamo il voto utile, perché non andremo mai con la destra».

Discorso diverso per i Cinque stelle: con Luigi Di Maio LeU è pronta a confrontarsi per un’alleanza di governo dopo il voto. Ma per ora il candidato M5s ostenta distanza e attacca Boldrini: "Non discuteremo mai di alleanze - dice Di Maio - con chi ha avuto il 'coraggiò di piegare i regolamenti parlamentari per consentire alle banche di intascare 7,5 miliardi di euro».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X