Giovedì, 20 Giugno 2019
VERSO LE ELEZIONI

Regionali, nuovo sondaggio: avanti Musumeci, secondo Cancelleri

candidato presidente regione, regionali, sondaggio regionali, Claudio Fava, Fabrizio Micari, Giancarlo Cancelleri, Nello Musumeci, Sicilia, Politica
Nello Musumeci

PALERMO. Alle prossime elezioni per eleggere il presidente della Regione e per il rinnovo dell'assemblea regionale in Sicilia, secondo l'ultimo sondaggio Index Reserch realizzato per Piazza Pulita, la trasmissione de La 7, Nello Musumeci sarebbe avanti di sei punti rispetto a Giancarlo Cancelleri, il candidato del M5S. In terza posizione il neo candidato della sinistra Claudio Fava con una manciata di preferenze in più rispetto a Fabrizio Micari del centro sinistra.

Alla domanda: "Se ieri si fossero tenute le elezioni per eleggere il presidente della sua Regione, per quale dei candidati avrebbe più probabilmente votato?", il 36% degli intervistati ha indicato il candidato del centrodestra, il 30% avrebbe votato il rappresentante dell'M5S. Testa a testa tra Fava che raccoglie il 16% delle preferenze e Micari fermo al 15%.

Secondo un altro sondaggio commissionato da "MarketingInPolitica.com" e realizzato dall'istituto Keix - data for Knowledge, il distacco del candidato del centrosinistra Fabrizio Micari rispetto ai candidati di centrodestra e M5s si sarebbe ridotto a soli 4-5 punti.

La rilevazione, infatti, dà Micari al 27,3%, sotto al 33,1% di Musumeci e al 31,6% di Cancelleri. Staccati Fava al 4,8% e Sgarbi al 3,2%. Per quanto riguarda la fiducia nei candidati: Musumeci 34,6%, Cancelleri 30,5%, Micari 23,8%, Fava 6,9%, Sgarbi 4,2%. La quota di indecisi al voto è al 26,2%, mentre gli indecisi su quale candidato votare sono il 53,4% rispetto al 65,8% di coloro che hanno già deciso che andranno a votare. Nota metodologica. Metodo di raccolta: C.A.P.I./C.A.W.I., interviste complete 800.

A livello nazionale il centrodestra avanza ancora e supera la soglia del 34% con la Lega che traina a quota 15%. Prosegue la fase calante del Movimento Cinque Stelle che arretra al 26,5% ma resta sempre il primo partito. Non va meglio al Pd che si ancora al 25%.

Alla domanda "Se ieri si fossero tenute le elezioni politiche, lei per quale partito avrebbe più probabilmente votato?" il 26,5% degli intervistati ha indicato il Movimento 5Stelle, un punto in meno rispetto alla scorsa settimana. Il Partito Democratico, con il 25%, perde lo 0,4 rispetto all'ultima rilevazione.

Lega Nord avanti tutta, raggiunge il 15% e allunga la distanza da Forza Italia che conquista il 13,8% (+0.2). Fratelli d'Italia inchiodato al 5,3%. I possibili candidati premier. Nel M5s, Luigi Di Maio viene indicato dal 78% degli intervistati elettori 5Stelle come il premier più appetibile. Tutti gli altri insieme raccolgono appena il 14%.

Nell'elettorato di centrodestra, ancora in testa Silvio Berlusconi (38%) a tre punti da Matteo Salvini che conquista il 35% delle preferenze. Tra gli elettori del Pd e di Alternativa Popolare, Matteo Renzi continua a conquistare più della maggioranza della preferenze (51%), il gradimento dell'attuale presidente del Consiglio Paolo Gentiloni cresce ma si ferma al 36%. Nota metodologica.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X