Mercoledì, 21 Aprile 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Blitz della polizia, perquisizioni nelle case dei leader dei Forconi
DA TREVISO A TARANTO

Blitz della polizia, perquisizioni nelle case dei leader dei Forconi

ROMA. La Polizia ha eseguito una serie di perquisizioni nei confronti di leader ed esponenti del Movimento dei Forconi in diverse parti d'Italia. Gli uomini delle Digos, coordinati dalla Direzione centrale della polizia di prevenzione, stanno operando a Ascoli, Campobasso, Como, Firenze, Latina, Roma, Taranto e Treviso.

Le perquisizioni sono scattate nei confronti di coloro che hanno manifestato l'intenzione di attuare "l'Ordine di cattura popolare", un documento messo a punto da alcuni degli indagati e definito "fortemente istigatorio" dagli investigatori, nel quale si invitano i cittadini ad arrestare tutti i parlamentari, gli esponenti del governo e il presidente della Repubblica.

Tra i perquisiti, ci sono anche i responsabili dell'aggressione al parlamentare forzista Osvaldo Napoli, avvenuta davanti a Montecitorio lo scorso 14 dicembre. Complessivamente gli uomini della Digos hanno eseguito 18 perquisizioni, tutte nei confronti di soggetti appartenenti o vicini al movimento, che hanno mostrato di voler dare seguito a quanto affermato nel documento di 19 pagine denominato 'Ordine di cattura popolare' dove, appunto, si invitano i cittadini ad 'arrestare' parlamentari e rappresentanti delle istituzioni In questo quadro rientra l'aggressione ad Osvaldo Napoli: il parlamentare fu bloccato fuori dalla Camera da un gruppetto di appartenenti ai Forconi intenzionati ad eseguire "il primo arresto popolare di un politico".

L'intervento di polizia e carabinieri consentì di evitare conseguenze per Il deputato di Fi e identificare e denunciare 14 persone. Dalle indagini è inoltre emerso che gli indagati hanno depositato in alcuni uffici di polizia l' "Ordine di cattura popolare" e hanno postato sui social network diversi proclami di rivolta sociale.

"Ci processino pure, ma ci dicano se la sentenza della consulta è giusta o no". A parlare è Danilo Calvani, leader del movimento 9 dicembre. "Mi hanno sequestrato il computer - afferma - per cercare qualcosa di eversivo. Siamo stati noi a presentare le denunce in varie procure d'Italia contro i politici, che occupano abusivamente il posto dopo la sentenza della Consulta. La nostra era una provocazione e ci aspettavamo una reazione simile. Quello che ci viene contestato è che non possiamo sostituirci allo Stato".

Danilo Calvani, leader del movimento 9 dicembre, la costola più operativa del movimento dei Forconi, è uno dei destinatari delle perquisizioni effettuate questa mattina. Per spiegare le sue ragioni, ha indetto una conferenza stampa per oggi pomeriggio, alle 15, a Latina anche per "fare chiarezza e capire chi sono alcune persone coinvolte nell'operazione ma che non hanno nulla a che vedere con noi".

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X