Mercoledì, 02 Dicembre 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Appalti centralizzati, Crocetta: "Danni incalcolabili per la Sicilia"
PRESIDENTE DELLA REGIONE

Appalti centralizzati, Crocetta: "Danni incalcolabili per la Sicilia"

appalti centralizzati, consip, Sicilia, Politica
Rosario Crocetta

PALERMO. «Con 6 miliardi di euro di appalti centralizzati (Consip), la Sicilia perderà 7,5% di Pil. Il calcolo è stabilito sulla base dell’importo di 80 miliardi di euro di Pil l’anno. Se quegli appalti dovessero valere per 3 anni, la perdita non sarebbe minore a 2,5% ogni anno». Lo dice il presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta, da Messina dove si trova per presentare il suo movimento «Riparte Sicilia».

«E' un danno incalcolabile per la Sicilia, per tutti i siciliani, le imprese e i disoccupati. Il sistema Consip, in atto, viene utilizzato per spostare risorse della Sicilia e del Mezzogiorno, a favore delle grandi imprese del centro-nord, a favore di gruppi monopolistici, danneggiando le piccole e medie imprese. Lo scontro di questi giorni sull'affare Consip, - continua Crocetta - non è un affare ideologico e neppure politico. E’ la battaglia di un presidente della Regione che vuole difendere gli interessi della Sicilia e non vuole che questa regione venga impoverita. Su queste cose io chiedo un dibattito pubblico e soprattutto la revisione a 360 delle linee di politica economica».

Per Crocetta, «qualsiasi appalto deve tenere conto del mercato siciliano e della capacità delle imprese siciliane, che non possono essere escluse a priori dagli appalti. Qualcuno dirà che così la pubblica amministrazione risparmia, io sostengo non sia vero, perché diverse volte le aziende Consip presentano tassi di ribasso più alti rispetto a quelli che offre il mercato locale». Secondo il Governatore, «il sistema Consip è stato creato per i grandi gruppi monopolistici del Paese. Un grande inganno». «La Sicilia deve utilizzare una propria piattaforma informatica per le gare telematiche, affidata a un soggetto pubblico e non a privati e lo può fare - conclude il presidente - mediante Sicilia e-Servizi».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X