Venerdì, 18 Settembre 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Immobili ceduti 10 anni fa, ora la Regione li rivuole
L'OPERAZIONE

Immobili ceduti 10 anni fa, ora la Regione li rivuole

PALERMO. Riacquistare l'intera proprietà di 33 immobili ceduti al Fondo immobiliare Fiprs circa dieci anni fa, di cui la Regione siciliana detiene il 35%, attraverso la cessione prima della sua quota al Fondo pensioni dei regionali e poi autorizzando quest'ultimo, interamente controllato dall'amministrazione regionale, a rilevare anche la restante quota del 65% del Fiprs in mano ai soci privati Trinacria capital sarl e Sicily investments. È l'operazione che il governo di Rosario Crocetta intende portare a termine con una apposita norma inserita nella finanziaria 2017, come già anticipato dall'ANSA nei giorni scorsi, ferma all'Assemblea regionale siciliana dallo scorso Natale, dopo la scelta di approvare l'esercizio provvisorio.

Un progetto finanziario complesso che comunque dovrà passare al vaglio del Parlamento siciliano che entro fine febbraio, alla scadenza del bilancio provvisorio di due mesi, dovrà esprimersi sulla norma. L'operazione prevede come primo atto il via libera al Fondo pensioni dei regionali, ente controllato dalla Regione, alla costituzione del ramo immobiliare: al momento il Fondo ha un patrimonio espresso in liquidità di circa 1 miliardo di euro, una parte del cash serve a pagare le pensioni, un'altra a dare anticipazioni e prestiti agevolati ai regionali che ne facciano richiesta e il resto è investito in operazioni finanziarie, in buoni del tesoro poliennali (Btp) e in certificati dello Stato a medio-lungo termine (Cct). Operazioni che, leggendo i bilanci del Fondo, fruttano in media rendimenti tra il 2,75 e il 4 per cento circa. In base al progetto, la Regione cederebbe al Fondo pensioni la sua quota di Fiprs per 20 milioni di euro, con uno sconto del 35% rispetto al valore degli immobili parametrato al 35% della quota pubblica del Fiprs, che secondo il governo sarebbe pari a 59 milioni di euro.

Di contro la Regione quest'anno non verserebbe al Fondo i 60 milioni di copertura contributiva per i lavoratori che per legge destina ogni anno. Non solo, la norma della finanziaria autorizza poi il Fondo pensioni ad acquisire anche la quota del Fiprs in mano ai privati: la previsione era di perfezionare l'acquisto entro la fine di febbraio, data che slitterà di almeno due mesi sempre che la norma sia mantenuta nel testo di legge e approvata dall'Ars. Nella relazione tecnica alla finanziaria, il governo sottolinea che la Regione ha conferito al Fiprs 33 beni immobili, ubicati nell'intero territorio isolano, «dal valore di conferimento pari a 279,75 milioni». E che «il valore di mercato di Fiprs al 30 settembre 2016 è pari a 217,6 milioni di euro», con «una redditività media dalla costituzionale pari a 6,3%».

Al momento la Regione detiene 147 quote del capitale sociale di Fiprs, 137 sono in capo a Trinacria Capital e 136 nel portafoglio di Sicily Investments. «L'operazione di acquisto - sostiene il governo Crocetta - da un lato consentirà una maggiore redditività delle finanze del Fondo pensioni, dall'altro l'entrata pari a circa 20 milioni di euro, il valore di acquisto con uno sconto del 35% della quota della Regione siciliana. Soprattutto la Regione, per il tramite del Fondo pensioni, ritornerà nella proprietà al cento per cento dell'intero patrimonio immobiliare».

«Ci opporremo con tutte le nostre forze all'operazione sugli immobili che il governo Crocetta intende fare perchè il loro vero obiettivo è mettere le mani sul patrimonio del Fondo pensioni dei regionali, un patrimonio in fondi liquidi di circa un miliardo di euro». Lo dicono i segretari del Cobas/Codir Marcello Minio e Dario Matranga commentando con l'ANSA la norma della finanziaria, ferma all'Ars, con la quale il governo intende riacquisire l'intero controllo di 33 immobili, al momento in quota al Fondo immobiliare Fiprs di cui l'amministrazione regionale detiene il 35% del capitale.

«Tutto questo non è fatto per il bene del Fondo pensioni - aggiunge il Cobas/Codir - Si profila all'orizzonte il tracollo del Fondo, come avvenne alla fine degli Anni Novanta quando l'allora governo Graziano azzerò l'intero patrimonio dell'ex Fondo che poi venne sciolto. Dove mette mani la politica non nasce nulla di buono». Per Minio e Matranga inoltre «è inquietante che questo progetto esca fuori poco dopo la mancata proroga dell'incarico al commissario del Fondo pensioni e la designazione nel ruolo di presidente del Fondo, in attesa della costituzione del Cda, di Nelli Scilabra, l'ex assessore alla Formazione, fedelissima del governatore». Il Cobas/Codir teme che «dietro al piano ci possano essere interessi diversi da quelli di dare redditività al patrimonio del Fondo pensioni».

«I numeri della relazione tecnica sono opinabili - affermano i due sindacalisti - così come il valore attribuiti ai beni immobili che si vogliono mettere in carico al Fondo pensioni. E poi una domanda nasce spontanea: se il governo autorizza il Fondo pensioni ad acquisire anche le quote dei privati di Fiprs significa che quei soci sono già d'accordo a che quest'operazione vada in porto. E se così è, perchè?».

In una nota Minio e Matranga aggiungono: «Può una legge regionale stabilire per il Fondo pensioni della Regione siciliana quali investimenti fare con i soldi accantonati dai lavoratori regionali?». «Se è vero, come è vero, che ci troviamo davanti a un ente pubblico non economico dotato di personalità giuridica e di autonomia patrimoniale, finanziaria, gestionale, amministrativa e contabile - proseguono i segretari del Cobas/Codir - appare in contrasto con la stessa legge istitutiva del Fondo e con le norme nazionali e con le direttive europee che regolamentano il settore l'ipotesi che il legislatore e il governo regionale si possano sostituire agli organi di gestione nell'amministrazione  delle risorse accantonate».

«Al di là della credibilità di un'operazione di investimento immobiliare come quella ipotizzata sulla stampa è del tutto evidente che attraverso la nostra presenza nel Consiglio di indirizzo e vigilanza - concludono - contrasteremo in tutte le sedi ritenute opportune ogni azione che sia o che possa apparire come una mera speculazione o un'attività nella quale non ci sia nessun reale e certo profitto per l'investimento delle risorse accantonate dai lavoratori regionali e che rappresentano la garanzia per pagare le pensioni negli anni futuri».

Sulla maxi vendita al Fondo Immobiliare Pubblico Regione siciliana di immobili regionali disposta dal governo Cuffaro nel 2007 la Procura di Palermo, a fine 2014, aprì un fascicolo cosiddetto di atti relativi, un procedimento che generalmente è finalizzato ad accertare se ci sono ipotesi di reato. In quel caso lo scopo era capire se dietro l'operazione si nascondesse un giro di tangenti. Il fascicolo, assegnato alla pm Claudia Ferrari, non ha portato a sviluppi. Peraltro eventuali illeciti sarebbero prescritti o prossimi alla prescrizione.

Gli immobili, secondo alcuni decisamente sottovalutati da una consulenza immobiliare assai dispendiosa, vennero ceduti al Fiprs della ex Pirelli Re per circa 200 milioni. La Regione li riaffittò dopo la vendita: per la locazione sono stati spesi 20 milioni l'anno.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X