Lunedì, 30 Marzo 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Poletti: mozione di sfiducia, polemica sui contributi al figlio
DOPO FRASE SU GIOVANI

Poletti: mozione di sfiducia, polemica sui contributi al figlio

Lega Nord, m5s, ministro del lavoro, pd, Giuliano Poletti, Sicilia, Politica
Il ministro del Lavoro Giuliano Poletti - Fonte Ansa

ROMA. Non si placa la bufera sul ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, dopo le parole sui giovani e la fuga di cervelli, e nei suoi confronti viene depositata anche al Senato una mozione di sfiducia, firmata da Movimento 5 stelle, Sinistra italiana, Lega e da alcuni senatori del Gruppo Misto. Sotto accusa il suo «comportamento totalmente inadeguato al ruolo» con il riferimento al fatto di essersi espresso «in più di un'occasione con un linguaggio discutibile e opinioni del tutto inaccettabili».

Il Pd lo difende («Non deve dimettersi», dice il capogruppo alla Camera, Ettore Rosato) ma dalla minoranza dem, Roberto Speranza, con «una lettera aperta al ministro Poletti» via twitter avverte: «Via i voucher o sfiducia». Risponde il presidente del Pd, Matteo Orfini: «Segnalo a Speranza che la liberalizzazione dei voucher fu fatta dal governo Monti, con Bersani segretario e appoggio del Pd: il governo Renzi semmai ne ha limitato l'uso».

Intanto la bufera su Poletti corre anche sul web e si allarga al figlio Manuel, su cui si punta il dito perchè direttore del settimanale romagnolo 'Setteserequi' che avrebbe ricevuto in tre anni 500mila euro di contributi pubblici. La Lega annuncia un esposto «per verificare la regolarità dei contributi all'editoria concessi a Poletti jr con suo padre nel ruolo di ministro».

Un mare di commenti sui social (oltre duemila solo sulla sua pagina facebook) e le critiche (con tanto di hashtag su twitter #Polettidimettiti, #Polettifuoridaipiedi) scatenate dalle parole sui giovani e sui cervelli in fuga all'estero («Conosco gente che è andata via e che è bene stia dove è, perchè sicuramente questo Paese non soffrirà a non averli più fra i piedi») pronunciate lunedì sera dal ministro, che poi si è scusato. E che, confermano da via Veneto, non ha intenzione di dimettersi. Anche la questione voucher si amplifica. Sui cosiddetti 'buoni lavorò del valore nominale di 10 euro per prestazioni di lavoro occasionali ma che via via si sono sempre più diffusi, il governo è già intervenuto a settembre nel decreto correttivo del Jobs act introducendo l'obbligo di tracciabilità. Poletti anche oggi nel corso del question time non ha escluso un'ulteriore stretta: «È stata prevista l'introduzione di rigorosi criteri di tracciabilità. Verificheremo attentamente e, in base alle evidenze, ci riserveremo se tornare eventualmente ad intervenire con normative più stringenti», ha affermato nell'aula della Camera. L'abolizione dei voucher è tra l'altro uno dei tre referendum sul lavoro lanciati dalla Cgil, sulla cui ammissibilità si esprimerà la Consulta il prossimo 11 gennaio. Nel frattempo, il mercato del lavoro segna ancora buste paga al palo, registrando aumenti mai così bassi da oltre 30 anni. Secondo gli ultimi dati Istat, a novembre l'indice delle retribuzioni contrattuali orarie, infatti, rimane invariato rispetto al mese precedente e aumenta dello 0,4% rispetto a novembre 2015, segnando l'incremento più basso dall'inizio delle serie storiche, nel 1982. A pesare sulla frenata, ovviamente è stato lo stop dei contratti pubblici: per la Pa, infatti, tutti i dipendenti risultano con il contratto scaduto dalla fine del 2009 a causa del blocco della contrattazione, riaperta dall'accordo quadro tra il governo e i sindacati del 30 novembre scorso

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X